Milano Expo 2015 | Padiglione Germania

Per i «germogli di idee» uso razionale e sostenibile dell’acciaio

Per la struttura temporanea, che al temine della manifestazione verrà smantellata, è stata impiegata la minor quantità di materiale possibile limitando così l’impatto sull’ambiente. Una strategia che ha previsto l’impiego dell’acciaio, in linea con i principi della sostenibilità: esame critico, consumo e riutilizzo.

Il progetto del padiglione Germania, caratterizzato dal particolare intreccio tra la presentazione degli spazi e quella dei contenuti, è espressione del motto «Fields of Ideas».
L’architettura ricorda il tipico paesaggio rurale tedesco, fatto di prati e campi: gli elementi rappresentativi e centrali del padiglione sono le piante stilizzate che, come «germogli di idee», sbucano dal piano dell’esposizione e raggiungono la superficie esterna.

Rampe auf die obere Landschaftsebene

Rampe auf die obere Landschaftsebene

L’intero edificio ha una lunghezza di circa 120 m, una larghezza di circa 34 m, un’altezza fino a 12 metri e le zone di esposizione coprono un’area di circa 2.700 mq, tra pianterreno, primo piano e copertura. Con i suoi 4.933 mq di superficie si presenta come uno dei lotti di massime dimensioni all’interno del sito espositivo. Per la struttura temporanea, che al temine della manifestazione verrà smantellata, è stata impiegata la minor quantità di materiale possibile limitando così l’impatto sull’ambiente. Una strategia che ha previsto l’impiego dell’acciaio, in linea con i principi della sostenibilità: esame critico, consumo e riutilizzo.

padiglione germania Milano expo 2015

Le 6 coperture che evocano forme vegetali, sono gli elementi particolarmente scenografici che coprono gli spazi aperti del padiglione. La struttura d’acciaio di ogni albero è costituita da una colonna tubolare centrale ancorata al pianterreno e vincolata orizzontalmente alla soletta del primo e secondo piano.
Alla sommità della colonna, 6 travi a sbalzo orizzontali sono fissate trasversalmente alla colonna e sorreggono un tubo perimetrale che serve da elemento di fissaggio della membrana semitrasparente a forma di petalo. 12 colonne collocate sulla circonferenza sorreggono una trave reticolare perimetrale e altre quattro travi reticolari, due in ogni direzione, vanno a formare la struttura principale di copertura. In totale per il padiglione tedesco sono state utilizzate 431 tonnellate di acciaio, tra profili tubolari, He e travi composte saldate.

© Fondazione Promozione Acciaio

IL CANTIERE
Committente: Ministero Federale per l’Economia e l’Energia
Affidataria gestione e organizzazione padiglione: Messe Frankfurt GmbH
Ideazione, progettazione, realizzazione padiglione: Joint-venture Milla & Partners (impostazione concettuale, allestimento espositivo, progettazione multimediale); Schmidhuber (ideazione spazi, progetto architettonico, masterplan); Nüssli Deutschland (esecuzione e gestione del progetto).
Realizzazione strutture in acciaio: Stahlbau Pichler srl
Immagini: Schmidhuber / Milla & Partner (disegni), Lorenzo De Simone – Stahlbau Pichler (fotografie), Stahlbau Pichler (fotografie)

Condividi quest’articolo
1 commento a questo articoloInvia il tuo
  1. il design dell’edificio è stato ottimizzato utilizzando programmi parametrici?

Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151