Studi | Sace

Argentina: difficoltà per gli esportatori

Tra il 2011 e il 2013 l’aumento delle barriere all’importazione e la svalutazione del tasso di cambio hanno comportato mancate esportazioni di beni italiani per € 671 milioni.

L’ufficio studi Sace >> ha elaborato un approfondimento relativo alle recenti evoluzioni del contesto macroeconomico in Argentina e i rischi per gli operatori stranieri, in particolare per gli esportatori italiani.
Si evidenzia in primo luogo che l’economia argentina continua a sperimentare un periodo di difficoltà (esacerbato dal Selective Default): nel 2014 il pil dovrebbe contrarsi dell’1,7% e nel 2015 dell’1,5%. Inoltre l’insostenibilità delle politiche macroeconomiche ha portato un’elevata inflazione, deprezzamento della valuta e stagnazione economica.

Argentina

Il contesto operativo resta difficile per gli operatori esteri, soprattutto per la presenza di barriere alle importazioni, tra cui le pesanti pratiche burocratiche. Alle misure protezionistiche di carattere commerciale, si sono poi aggiunte una serie di restrizioni di carattere valutario.
Tra il 2011 e il 2013 l’aumento delle barriere all’importazione e la svalutazione del tasso di cambio hanno comportato mancate esportazioni di beni italiani per € 671 milioni.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151