Vibrazione | A parete e ad ago

Una buona compattazione garantisce la qualità

Una buona vibrazione del calcestruzzo garantisce la resistenza voluta dal progettista consentendo di superare i controlli richiesti dalle Norme tecniche delle costruzioni e dall’Eurocodice. Atlas Copco copre questo mercato con due tipologie di prodotto: una destinata al trattamento superficiale del calcestruzzo e una destinata alla vibrazione del calcestruzzo su cui ci soffermiamo.

Picture 1 of 7

Ame 600 è l’ultima tipologia di ago vibrante immessa dal gruppo sul mercato, disponibile con diametri 25-35-45 mm.

Il settore del calcestruzzo entra in Atlas Copco con l’acquisizione di Dynapac e viene affiancato alla divisione Cto (Construction tools division) che opera sul mercato attraverso i concessionari. Vengono così attivate le sinergie nella rete di distribuzione che Atlas Copco Italia possiede sul territorio nazionale. Atlas Copco si rivolge al mercato del calcestruzzo con due tipologie di prodotto: la prima, destinata al trattamento superficiale del calcestruzzo, la seconda destinata alla vibrazione del calcestruzzo su cui ci soffermiamo.

La tecnologia della vibrazione

Il costipamento (o vibrazione) del calcestruzzo è un procedimento che ha la funzione di conferire al conglomerato fresco, durante la sua posa in opera, compattezza, omogeneità e densità, tali da garantire al manufatto finale la resistenza richiesta in fase di progettazione. Oltre alla bontà delle componenti del calcestruzzo, la vibrazione gioca un ruolo fondamentale per quelle che saranno le caratteristiche del calcestruzzo maturo e dell’opera realizzata. Per garantire una buona costipazione del calcestruzzo sono quindi necessari accorgimenti tecnici e strumenti di buona qualità, in modo tale che l’aria inglobata nel getto venga espulsa e si ottenga una miscela il più omogenea possibile. L’energia di costipamento è trasmessa al calcestruzzo con due criteri diversi, utilizzabili, in alcuni casi, anche contemporaneamente: vibrazione interna ed esterna. Vibrazione interna. In questo caso, normalmente si fa uso di vibratori ad ago (vibratori a immersione), introdotti direttamente nella massa del calcestruzzo fresco: l’ago vibrante viene introdotto verticalmente e spostato, da punto a punto nel calcestruzzo cosi da non lasciare zone non vibrate, per strati di 50 cm circa; la durata della vibrazione dipende dalla classe di consistenza del calcestruzzo in funzione del rapporto acqua/cemento. Vibrazione esterna. In questo caso l’energia di vibrazione viene prodotta da apparecchi (vibratori a parete) fissati direttamente alla cassaforma, attraverso la quale si trasmette la vibrazione al conglomerato cementizio. Questo secondo sistema, al contrario di quello con vibratori interni, è meno «intuitivo», in quanto implica uno studio del posizionamento dei vibratori che cambia a seconda dell’elemento da vibrare. I prodotti Atlas Copco per la vibrazione sono considerati di fascia alta e sono accompagnati da una consulenza tecnica che consente di personalizza-re l’applicazione. Atlas Copco ha creato un Centro di competenza a supporto dei clienti, gestito dall’ing. Michela Crespini (Light and concrete application specialist) e collocato all’interno di un progetto internazionale: tale struttura infatti, viene replicata in tutte le regioni dell’Europa occidentale in cui è presente, al fi ne di costruire competenze e professionalità a diretto supporto del cliente. In pratica, quando il cliente finale, il concessionario, o la società di noleggio devono effettuare il getto di calcestruzzo, per la vibrazione (o anche per il trattamento superficiale del cemento) può rivolgersi ad Atlas Copco che gli fornisce non solo una valida strumentazione in base al lavoro da svolgere (e all’occorrenza una competenza tecnico-ingegneristica on site), ma, attraverso specifici training, i giusti consigli sull’utilizzo operativo degli stessi. L’esatto posizionamento dei vibratori esterni sulla cassaforma, per esempio, costituisce una scelta molto delicata da studiare caso per caso, in quanto c’è il rischio non solo di danneggiare la cassaforma, ma anche di ottenere un calcestruzzo di pessima qualità. Un calcestruzzo mal compattato può presentare al suo interno vuoti, nidi di ghiaia, che aumentando la permeabilità della matrice cementizia agli agenti aggressivi, possono comprometterne la durabilità. Inoltre la presenza dei vuoti interni alla massa può causare una riduzione dell’aderenza calcestruzzo-acciaio poiché le armature metalliche risulterebbero non completamente avvolte dal conglomerato. La mancanza di compattezza del calcestruzzo determina anche un abbattimento delle proprietà meccaniche del materiale. Ecco perché Atlas Copco offre soluzioni specifiche e su misura anche per questo tipo di applicazione. I mercati di riferimento sono numerosi: i costruttori di casseforme, per esempio, che distribuiscono la cassaforma dotata di vibratore esterno, oppure i concessionari che dispongono di grandi flotte a noleggio, poi il mercato delle grandi infrastrutture in cui vengono eseguiti estesi getti di cemento armato, e l’edilizia, in cui tutti i getti richiedono obbligatoriamente il vibratore. E Atlas Copco, che già fornisce martelli e macchine per il trattamento superficiale del calcestruzzo, con questa ulteriore attrezzatura aumenta il suo portafoglio prodotti costruendo sinergie con la rete distributiva.

I prodotti di punta per la vibrazione sono sostanzialmente tre

Il nuovo Ame600, ultima tipologia di ago vibrante immessa dal Gruppo sul mercato, che parte da diametri molto piccoli e quindi consente lavori che solitamente i vibratori normali non riescono a fare. Il diametro di 25 mm permette di vibrare il calcestruzzo nei punti in cui le barre di armatura diventano più fitte. Nella prevenzione sismica infatti, per garantire la duttilità delle strutture, le armature vengono infittite riducendo di molto il passo, quindi i diametri 50 mm normalmente in uso non saranno più idonei per vibrare il materiale.

Smart è innovativo rispetto al sistema tradizionale ad ago con convertitore in quanto il convertitore di frequenza, necessario per il funzionamento degli aghi elettrici, è integrato e ciò ne semplifica l’utilizzo da parte dell’operatore in quanto è sufficiente attaccare alla presa di corrente l’ago per un immediato funzionamento. Rispetto ad altri aghi, lo Smart non offre solo una comodità di utilizzo, ma anche caratteristiche tecniche tali da garantire una perfetta vibrazione del materiale, come la scheda elettronica che permette di mantenere costanti il numero di vibrazioni per minuto, all’interno del getto, per tutta la durata del processo di vibrazione.

Vibratori esterni da cassero

Atlas Copco sta facendo grandi passi avanti anche in questa tipologia di prodotto. Infatti, oltre a essere utilizzati per getti di una certa entità (per esempio per eseguire muri molto alti o molto lunghi), per il problema delle armature con passo sempre più ristretto previsto dalle normative antisismiche questo risulta un sistema di vibrazione ottimale in quanto basta attaccare al cassero i vibratori e la parete è vibrata senza dover calare dall’alto vibratori ad ago col rischio che s’impiglino nell’armatura. Contrariamente ai vibratori ad ago, al momento questi vibratori non sono ancora molto conosciuti in Italia. Il loro utilizzo richiede un operatore specifico in grado di posizionarli correttamente. Uno scorretto utilizzo infatti, causerebbe una disomogeneità nella vibrazione con ripercussioni sulla resistenza finale, o vuoti d’aria all’interno della stessa parete che provocherebbero difetti strutturali non indifferenti.
Claudio Guastoni

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151