Giornata di studio | Acer Reggio Emilia e Andil

Casa in laterizio e recupero energetico e sismico

Martedì 14 gennaio 2014 a Reggio Emilia, si fa il punto sulla nuova direttiva Epbd2 sul risparmio energetico, le soluzioni progettuali innovative e i materiali volti al recupero energetico e sismico in funzione della recente proroga degli Ecobonus.

La collaborazione in campo formativo tra Acer Reggio Emilia e Andil si rinnova con un primo appuntamento previsto martedì 14 gennaio 2014 a Reggio Emilia: una giornata di studio gratuita rivolta agli operatori dell’edilizia (architetti, geometri, ingegneri, imprese e operatori di settore) per fare il punto sulla nuova direttiva Epbd2 (Energy performance buildings directive) per il risparmio energetico, obbligatoria dal 2020, e dal 2018 per le pubbliche amministrazioni, con obiettivi intermedi per il 2015 e le agevolazioni offerte dagli Ecobonus.

Esperti di settore e del mondo universitario si alternano nel corso della giornata, patrocinata da Ance Reggio Emilia e Res, Edili Reggio Emilia, Scuola, che sarà suddivisa in due sessioni.
Una è dedicata a «La direttiva Epbd2 e la casa Nzeb in laterizio» dove sarà illustrato il concept della «Casa Nzeb in laterizio, antisismica, sostenibile e confortevole», un edificio a consumo energetico zero, in ottemperanza alla Direttiva europea Epbd2, recentemente recepita nell’ordinamento nazionale dalla Legge 98/2013.
La sessione pomeridiana propone un approfondimento su «Il recupero energetico e sismico degli edifici», illustrando le potenzialità di sistemi e tecnologie in laterizio volti al recupero energetico e sismico degli edifici esistenti.
La richiesta di prestazioni energetiche sempre migliori ha portato, in questi anni, progettisti e imprese a sviluppare e applicare soluzioni progettuali di alto livello.
Tuttavia la mancanza di strumenti volti a comprendere in dettaglio i benefici delle diverse soluzioni ha favorito l’introduzione di soluzioni a bassissima trasmittanza, indipendentemente dai costi delle soluzioni stesse e dai vantaggi monetari che ne sarebbero derivati.
A questo approccio ha tentato di porre rimedio la Direttiva Epbd recast che, ponendo al centro la necessità di effettuare scelte che tengano conto sia dei costi che dei benefici, ha indirizzato i progettisti a scegliere soluzioni più equilibrate.

Scarica il programma della giornata>>

Scarica il modulo d’iscizione>>

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151