Messico | Tenaris

Centrale a ciclo combinato in funzione entro il 2016

L’impianto avrà una capacità tra gli 850 e i 900 megawatt e sarà realizzato dalla joint-venture Techgen a cui partecipano il gruppo petrolifero Tecpetrol con una quota del 30 per cento, il produttore di tubi per il settore energetico Tenaris con il 22 per cento e il colosso siderurgico sudamericano Ternium con una partecipazione del 48%.

Tenaris, Ternium e Tecpetrol International, società controllate da San Faustin Sa, holding lussemburghese della famiglia Rocca, hanno annunciato un accordo per costruire e gestire un impianto energetico a ciclo combinato in Messico che alimenterà le attività di Tenaris e Ternium nel Paese. L’investimento previsto si aggira attorno al miliardo di dollari.

Paolo Rocca | Ceo di Tenaris
«Questo progetto contribuisce alla competitività a lungo termine delle nostre attività industriali in Messico e rafforza il sistema elettrico del Paese dell’America centrale».

L’impianto avrà una capacità tra gli 850 e i 900 megawatt e sarà realizzato dalla joint-venture Techgen a cui partecipano il gruppo petrolifero Tecpetrol con una quota del 30 per cento, il produttore di tubi per il settore energetico Tenaris con il 22 per cento e il colosso siderurgico sudamericano Ternium con una partecipazione del 48%. Se i programmi saranno rispettati la centrale dovrebbe entrare in funzione nell’ultimo trimestre del 2016 e la sua realizzazione sarà in parte finanziata facendo ricorso all’indebitamento.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151