Internazionalizzazione | Rapporto Ance 2015

Costruttori italiani all’estero: 10 miliardi di fatturato in 85 Paesi

Mentre il mercato interno fatica a ripartire, quello estero ha fatto registrare una dinamica opposta, soprattutto in Europa. Se infatti nel 2013 il Vecchio Continente pesava nel portafoglio lavori delle imprese nostrane per appena il 10%, nel 2014 questo valore raggiunge il 40,7%.

Oltre 10 miliardi di euro di fatturato e 187 nuovi contratti, con una presenza in 85 Paesi. Sono i risultati delle attività  all’estero delle imprese di costruzioni italiane nel 2014.
Il Rapporto Ance 2015 fotografa un’ulteriore crescita delle nostre imprese a livello mondiale che testimonia come i mercati internazionali siano diventati un business consolidato per il settore delle costruzioni.

GALLERIA DI BASE DEL CENERI
In dieci anni il valore delle commesse all’estero ha superato i 72 miliardi di euro, ottenuto grazie ai 662 cantieri aperti, e il fatturato prodotto è aumentato del 237,5%.
Per quanto riguarda la ripartizione geografica dei cantieri, nel corso del 2014 le imprese italiane sono entrate in 6 nuovi mercati: Austria, Bosnia-Erzegovina, Gibuti, Benin, Tanzania e Uganda. E’ l’Unione Europea, però, nel 2014 l’area dove si sono concentrati i lavori di importo maggiore: il 26,4% del valore complessivo delle nuove commesse, acquisite nello scorso anno, è in Ue.
Complessivamente, l’Europa nel 2014 ha un peso pari al 40,7% di tutto il portafoglio lavori, mentre nel 2013 era appena al 10%.

Portafoglio estero

Il portafoglio delle nuove commesse delle imprese italiane all’estero, anno 2014.

La classifica dei principali Paesi per valore delle commesse acquisite vede, infatti:
1. Algeria – oltre 820 milioni di euro
2. Francia – 786 milioni di euro
3. Russia – 704 milioni di euro
4. Polonia – 678 milioni di euro
In aumento anche i lavori acquisiti nei mercati più avanzati. Nel 2014, infatti, il valore delle nuove commesse nei Paesi del G-20 è stato di oltre 4 miliardi, superiore alla media degli ultimi 10 anni, il 38% del totale delle nuove acquisizioni. Questo risultato, testimonia che le nostre imprese di costruzione sono forti anche nei mercati più competitivi, grazie alle loro competenze e al Know how tecnologico.

Portafoglio globale per tipologie di opere.

Portafoglio globale per tipologie di opere.

Il settore ferroviario, con il 28,5% delle commesse, si conferma nel 2014 la tipologia di opera maggiormente realizzata nei mercati esteri dalle imprese italiane di costruzione. Seguono le opere stradali (22%) e le opere idrauliche (18%).
Crescono anche, come ormai da alcuni anni, gli interventi di edilizia residenziale e non che raggiungono quota 7% del totale del portafoglio lavori. Molto importanti sono le realizzazioni nel settore ospedaliero e carcerario, quelle dei business center, degli hotel e delle università e centri di ricerca.
Un certo rilievo stanno assumendo anche gli interventi in campo ambientale (impianti di smaltimento rifiuti, potabilizzazione, dissalazione e impianti “waste to energy”).
Le imprese italiane risultano, inoltre, sempre più attive nel settore delle concessioni: a fine 2014 sono 24 le concessioni all’estero con partecipazione di imprese italiane per un valore complessivo di 35,8 miliardi di cui 5,2 di diretta competenza delle nostre aziende.
Nell’arco di un solo anno la dimensione media del portafoglio lavori delle imprese italiane è passata dagli 85,3 milioni di euro del 2013 ai 108,5 milioni del 2014.
Il 61% delle commesse in corso all’estero ha un valore medio di 25 milioni di euro. (V.K.)

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2018 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151