Terna e Enemalta | Elettrodotto

Elettrodotto Italia-Malta: al via l’interconnessione da 120 Km

Nei giorni scorsi, a conclusione di un periodo di collaudo coordinato con i tecnici di Terna, la rete elettrica del piccolo Stato è stata sincronizzata con quella italiana (e quindi europea), attraverso il nuovo collegamento in cavo sottomarino e terrestre a 220 kV tra Ragusa- Maghtab.

Italia-Malta, al via l’interconnessione. Concluso il collaudo del collegamento a 220 kV da 200 MW di Terna e Enemalta l’interconnessione Italia-Malta prende il via. Nei giorni scorsi, a conclusione di un periodo di collaudo coordinato con i tecnici di Terna, la rete elettrica del piccolo Stato è stata sincronizzata con quella italiana (e quindi europea), attraverso il nuovo collegamento in cavo sottomarino e terrestre a 220 kV tra Ragusa- Maghtab.

Matteo Del Fante, Ad di Terna

Matteo Del Fante, Ad di Terna.

Il progetto è stato concepito, studiato e progettato congiuntamente dal nostro Gestore e dall’azienda energetica statale Enemalta e poi realizzato da quest’ultima, dato che l’utilizzo del cavo sarà prevalentemente in export dall’Italia e quindi con benefici soprattutto per gli utenti maltesi. Il piccolo sistema maltese (circa 500 MW di consumi di picco) sino a ora era stato gestito in maniera isolata, e quindi caratterizzato da scarsa affidabilità e qualità del servizio, nonché dotato di impianti di generazione costosi e molto inquinanti, poiché di modesta taglia e alimentati da combustibili liquidi importati. Il cavo, della lunghezza record (per questo livello di tensione) di 120 km, fornirà fino a 200 MW di potenza da fonti diversificate e più pulite, consentendo una piena integrazione con il mercato elettrico europeo. Terna ha fornito consulenza, assistenza e servizi per la connessione, per l’ottenimento delle autorizzazioni e nulla-osta ambientali per la costruzione della stazione a Ragusa, di cui effettuerà l’Opération & Maintenance, nonché per la regolamentazione dell’esercizio tecnico e commerciale. In fase progettuale la società italiana ha effettuato gli studi che hanno consentito di optare per la tecnologia in corrente alternata. La gestione commerciale delle forniture dal nostro Paese è invece affidata a Enel Trade. Con questa nuova interconnessione, salgono a 25 le linee di collegamento con l’estero attualmente attive in Italia. In attesa dei nuovi elettrodotti con Francia e Montenegro, già in corso di realizzazione da parte di Terna, e del possibile collegamento con la Tunisia, al momento allo studio.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151