Rigenerazione urbana | Porto Marghera - Venezia

Gruppo Condotte ha presentato il progetto Venice Waterfront

Un albergo, spazi verdi, 6.500 mq di spazi commerciali e 21.000 mq di superfici direzionali per un totale complessivo di 80.000 mq, comprensivi dei 10.000 mq destinati al padiglione polifunzionale che ospiterà la collaterale di Expo 2015 a Venezia dal 1 maggio al 31 ottobre.

Venice Waterfront è il progetto di trasformazione urbana dell’area di Porto Marghera – Venezia, presentato da Isabella Bruno Tolomei Frigerio, presidente di Condotte Immobiliare spa >>, durante il convegno «New projects for a new Italy» al Mipim di Cannes, il Salone Internazionale dedicato all’immobiliare e alle eccellenze italiane del real estate.
Si tratta dei lavori di rigenerazione urbana che il Gruppo Condotte ha appena realizzato alle porte del centro storico all’interno dell’ambito urbanistico del Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia, a consumo di suolo zero, e che prevede la realizzazione di un complesso immobiliare a destinazione espositivo, recettivo, commerciale e direzionale con affaccio sul canale Brentella.

expogate 2015 venezia

Padiglione espositivo disegnato da Michele De Lucchi per Expo Gate 2015 a Venezia.

Il progetto di cui Condotte è developer, costruttore e investitore, riguarda il complesso immobiliare in cui si inserisce anche il padiglione polifunzionale che ospiterà Aquae Venezia 2015, collaterale ufficiale di Expo Milano 2015.
Venice Waterfront guarda allo sviluppo di un quadrante strategico della città di Venezia per i prossimi 20 anni: il waterfront della terraferma lagunare che si estende nella Macroisola Nord di Porto Marghera. Esso coinvolge una vasta area industriale in via di dismissione quale quella di Porto Marghera attraverso la creazione di infrastrutture verdi che, come in un «albero delle relazioni», colleghino le «radici» nella città di Venezia con la «chioma» in terraferma.
Il progetto, curato dall’arch. Michele De Lucchi (autore anche del Padiglione Zero dell’Expo di Milano) e dal paesaggista tedesco Andreas Kipar, si svilupperà in una prima fase in occasione dell’Expo 2015 di Venezia cui seguiranno due ulteriori fasi di sviluppo nel 2017 e nel 2019.

La proposta prende vita con il padiglione polifunzionale che Condotte Immobiliare ha appena realizzato a Venezia-Marghera, una struttura di 10.000 mq con un’altezza libera interna di 15m, che verrà gestito dalla società Expovenice spa, sotto il patrocinio di Expo Milano 2015, organizzatrice dell’evento «Aquae Venezia 2015» incentrato sul fondamentale tema dell’acqua.
L’iniziativa non si esaurisce con l’Expo 2015 di Venezia, cresceranno infatti attorno al Padiglione, un albergo, spazi verdi, spazi commerciali e centri direzionali.
Il progetto post Expo 2015 di Venezia recupera il linguaggio industriale del contesto e ricostruisce un ambiente urbano vivo e confortevole, il tutto in una logica di sostenibilità in linea con le più evolute tendenze europee in tema di recupero ambientale e secondo le moderne tendenze che prevedono lo sviluppo immobiliare a zero consumo di suolo.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151