Bce | Cassa Depositi

I Bond Cdp nel Quantitative Easing

L’emissione per diventare eleggibili sarà fatta dopo il 15 aprile e così anche Cdp rientrerà quindi nella lista del Qe della Bce. Intanto Cdp è soddisfatta dell’ultimo bond lanciato, il primo per il retail.

Le emissioni della Cassa Depositi e Prestiti diventeranno acquistabili nell’ambito del Quantitative easing della Bce dopo la riunione del Consiglio direttivo del 15 aprile. A confermarlo è stato lo stesso presidente Franco Bassanini.

Franco Bassanini | presidente Cdp

Franco Bassanini | presidente Cdp

La Cdp ha per ora emissioni per 9,5 miliardi di euro e non raggiunge così la soglia minima di 10 miliardi per prendere parte al programma di Quantitative easing. L’emissione per diventare eleggibili sarà fatta dopo il 15 aprile e così anche Cdp rientrerà quindi nella lista del Qe della Bce.
Intanto Cdp è soddisfatta dell’ultimo bond lanciato, il primo per il retail. Le richieste sono state talmente tante che dovranno andare a riparto.

I rendimenti quasi a zero offerti dai titoli di Stato e la scelta di puntare sulle banche per il collocamento (ben 70 gli istituti coinvolti) hanno consentito alla Cdp di chiudere in soli quattro giorni il collocamento del bond il cui importo è stato alzato a 1,5 miliardi di euro.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151