Opere pubbliche | Report Centro Studi Cni

Il 2015 si è confermato negativo per gli investimenti in opere di ingegneria

Il consueto report annuale del Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri registra, per il 2015, un crollo del mercato dei servizi di ingegneria e architettura. Importi posto a base d’asta per le opere pubbliche ai minimi storici.

Nel 2015 sono calati gli investimenti per le opere di ingegneria. Dopo un 2014 che aveva alimentato qualche speranza di ripresa, i dati elaborati dal Centro studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri indicano come nel 2015 si sia toccato il punto più basso di sempre in termini di importi posti a base d’asta per interventi sulle opere pubbliche: poco più di 5 miliardi di euro quando solo sei anni prima venivano superati i 23 miliardi.
Report Cni

Se ci si limita ad analizzare i soli importi destinati ai servizi di ingegneria (esclusi gli importi per l’esecuzione dei lavori), si registra una flessione del 18%: 365 milioni di euro contro i 445 dell’anno precedente. La flessione risente pesantemente del crollo delle gare con esecuzione (circa 3 miliardi di euro in meno per quanto concerne gli importi posti a base d’asta per questa tipologia di gare). Se si considera, invece, i soli bandi senza esecuzione, il calo degli importi destinati ai servizi di ingegneria si attesta intorno al 6%.

Queste le principali conclusioni cui giunge il Centro Studi Cni nel consueto «Monitoraggio sui bandi per i servizi di ingegneria e architettura. Anno 2015». Se si considera la ripartizione territoriale, la Campania si conferma ancora una volta regione leader per gli importi destinati a questi servizi con quasi 52milioni di euro, seguita dalla Sardegna con circa 41milioni e mezzo di euro. Nel 2015, poi, sono stati pubblicati complessivamente 3.415 bandi di gara, di cui oltre la metà per soli servizi di ingegneria senza esecuzione.

Ormai scontata, secondo il Centro Studi Cni, la quasi totale esclusione dei liberi professionisti dal mercato degli appalti integrati e dalle gare del settore dell’Ict, aree di mercato, queste, quasi totalmente in mano alle società. L’analisi mette in evidenza come le possibilità di aggiudicazione delle gare da parte dei liberi professionisti siano particolarmente limitate, anche nei soli bandi di gara senza esecuzione. In quest’ultimo caso, sebbene i liberi professionisti si siano aggiudicati il 70,2% delle gare, hanno ottenuto soltanto il 34% degli importi. Insomma, le possibilità per i professionisti si concentrano, per la quasi totalità, nelle gare di piccola entità.

Le gare continuano a essere aggiudicate con ribassi che in alcuni casi raggiungono valori «esagerati». La palma d’oro spetta alla Sicilia dove nel 2015 un bando è stato aggiudicato con un ribasso pari al 95%. Mediamente, le gare senza esecuzione vengono aggiudicate con un ribasso del 35%. Il ribasso medio nei bandi con esecuzione e in quelli del settore Ict si aggira invece intorno al 20%. Per quanto riguarda l’aderenza dei bandi ai parametri contenuti nel Dm 143/2013, va detto che nel 2015 meno della metà (48,6%) è risultato perfettamente in regola.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2018 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151