Rivestimenti | Cemento

Il cemento trasparente di Italcementi nel nuovo Centre Pompidou a Malaga

Italcementi, attraverso la società spagnola Fym, ha contribuito al progetto donando 250 metri quadrati di i.light, il cemento trasparente sviluppato nel centro ricerche i.lab Italcementi appositamente per il Padiglione Italiano a Expo Shanghai 2010.

Per il Centre Pompidou di Malaga è stato utilizzato il cemento trasparente di Italcementi >>, e rappresenta uno degli elementi caratterizzanti dell’edificio ideato dall’artista francese Daniel Buren e che contraddistingue lo skyline del porto della città spagnola.

Centre-Pompidou-Malaga

Il Centro Pompidou di Parigi è un riferimento culturale di livello assoluto, terzo monumento più visitato di Francia. Allo stesso modo il suo spin-off spagnolo, chiamato «Pop-Up Pompidou» si inserisce nel circuito culturale della città andalusa già ricco di centri di prestigio tra i quali il Museo Picasso, il Centro di Arte Contemporanea, il Museo Thyssen e il Museo di Arte Russa di San Pietroburgo, posizionando Malaga come la Capitale della cultura e dell’arte in Spagna. Italcementi, attraverso la società spagnola Fym, ha contribuito al progetto donando 250 metri quadrati di i.light, il cemento trasparente sviluppato nel centro ricerche i.lab Italcementi appositamente per il Padiglione Italiano a Expo Shanghai 2010.

Enrico Borgarello | direttore ricerca e innovazione di Italcementi
«Dopo Shanghai e diverse altre realizzazioni, tra cui la sede della Bulbank International di Unicredit a Sofia, il cemento trasparente i.light si conferma sempre di più una soluzione ideale per architetture di grande respiro. La scelta di utilizzare i pannelli in cemento trasparente, voluta dai progettisti, ha consentito l’ingresso della luce naturale che permette una buona visione delle opere esposte e una buona resa dei colori».

Il Pop-Up Pompidou è stato voluto dal sindaco di Malaga, Francisco de la Torre, per completare la sua visione di una città costiera ricca di cultura. Il presidente del Centro Pompidou Alain Seban intende il Pop- Up Malaga come un esperimento per esportare il modello culturale di Museo Francese e sebbene l’accordo iniziale preveda la permanenza del Centro a Malaga per 5 anni, Francisco de la Torre assicura che si lavorerà per assicurare la sua permanenza. Il Museo accoglierà 93 opere di artisti del XX e XXI secolo alle quali si aggiungeranno 3 collezioni temporanee all’anno. L’investimento totale per il Pop-Up Pompidou è di 4,2 milioni di Euro, coperto in parte, oltre che da Italcementi, anche da altre importanti società multinazionali.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151