Algeria | Rizzani De Eccher

Aggiudicata la gara per il nuovo Policlinico di Algeri da 700 posti letto

La joint venture italiana tra Rizzani De Eccher e Ospedale San Raffaele si è aggiudicata la più importante tra le quattro commesse bandite dal ministero della Salute algerino per la costruzione e la gestione di grandi policlinici universitari.

La joint venture tra il gruppo di costruzioni friulano Rizzani De Eccher>> e Ospedale San Raffaele>> realizzerà il nuovo Policlinico di Algeri, la più importante struttura sanitaria del Paese con 700 posti letto.

Ospedale San Raffaele di Milano.

Ospedale San Raffaele di Milano.

 La commessa dovrebbe superare il miliardo di euro. La joint venture italiana si è aggiudicata la più importante tra le quattro commesse bandite dal ministero della Salute algerino per la costruzione e la gestione di grandi policlinici universitari. Il piano governativo di Algeri prevede di realizzarne 10 entro il prossimo decennio.

Rizzani de Eccher, gruppo della famiglia De Eccher da 600 milioni di fatturato e 3.800 dipendenti, incrementa così la sua presenza in Algeria, dove sta già lavorando a due importanti opere infrastrutturali: il primo tronco della ferrovia Oued Tlelat-Tlemcen e la costruzione di una delle autostrade all’interno del programma per agevolare la comunicazione tra la costa mediterranea e l’interno del Paese.

Claudio  Deeccher

Claudio De Eccher | presidente Rizzani-De Eccher
«Il Governo algerino ha un programma di sviluppo delle strutture sanitarie, e in particolare dei policlinici universitari davvero importante, per dare una risposta adeguata alle richieste sempre più forti della popolazione. Abbiamo partecipato in joint venture con l’Ospedale San Raffaele e ci siamo confrontati con altri 38 raggruppamenti di imprese provenienti da tutto il mondo

Il gruppo di progettazione della struttura sarà guidato dall’architetto Mario Cucinella. La commessa prevede anche la gestione della struttura per i primi cinque anni. In questi giorni la Rizzani, inoltre, ha acquisito anche un contratto per il gruppo svizzero Valartis per realizzare a Mosca un edificio del valore di 13,5 milioni di euro. Per l’azienda friulana il 2012 si era chiuso con un fatturato di 423 milioni di euro, una quota di lavori all’estero pari al 50%, un utile di 6,8 milioni e un portafoglio ordini di 1,7 miliardi di euro per il 71% all’estero.




Condividi quest’articolo
1 commento a questo articoloInvia il tuo
  1. da 40 anni esperienza nella finitura d’interni con la propria azienda…arabia saudita.libia.ighilterra.spagna e logicamente in italia..mi interesserebbe proposte solamente da ditte referenziate in algeria ..

Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151