Grandi opere | Mose

Inizia la fase di costruzione delle paratoie 

Il Mose è completato per oltre l’85% e hanno partecipato alla sua realizzazione oltre un migliaio di lavoratori nei diversi cantieri con più di 3.000 di occupati indiretti. I cantieri del Mose sono stati visitati per una media di circa 10.000 persone ogni anno.

È stato varato e installato, alla bocca di porto di Malamocco, l’ultimo cassone della barriera del Mose. Finisce così tutta la fase di installazione dei totali 35 cassoni del sistema Mose: 9 cassoni (7 di alloggiamento «di soglia» e 2 laterali di «spalla») previsti per la barriera di Lido nord, 9 per quella di Lido sud, 9 a Malamocco e 8 a Chioggia.
Le misure di questo cassone sono imponenti: è alto 26,5 metri, per una superficie di 60,2 metri per 20 metri (quasi come tre campi da basket). Il peso del cassone è di poco più di 16mila tonnellate.

schema cassoni

Ingrandisci l’immagine >>

Il sollevamento e lo spostamento hanno richiesto l’allestimento di un sistema speciale di rotaie e di carrelli oleodinamici di acciaio (messo a punto dalla Tts Handling Systems, Norvegia), che consente di muovere ogni cassone come se fosse un vagone ferroviario.
Per ciascun cassone sono necessari fino a 84 carrelli, ognuno dei quali può sollevare 330 tonnellate. Il cassone è stato movimentato dal piazzale di costruzione di Malamocco fino al syncrolift larga oltre 50 metri e lunga più di 70 metri, dotata di 26 potenti argani.
Il brevetto del sistema è ideato dalla Rolls Royce Naval Marin inc. di Annapolis (Usa), ma è stato realizzato appositamente dalla Grandi Lavori Fincosit con motori italiani.
Il Mose è completato per oltre l’85% e hanno partecipato alla sua realizzazione oltre un migliaio di lavoratori nei diversi cantieri con più di 3.000 di occupati indiretti.

mose

I cantieri del Mose sono stati visitati per una media di circa 10.000 persone ogni anno. Nell’ultimo anno hanno visitato i cantieri delegazioni di esperti internazionali provenienti da tutto il mondo e, in particolare, delegazioni governative e imprenditoriali provenienti dalla Cina, dall’Indonesia, dal Marocco e dal Kuwait.
Il Consorzio Venezia Nuova, sempre nell’ultimo anno, è stato invitato negli Stati Uniti per illustrare il sistema Mose all’Amministrazione di New York e nella sede delle Nazioni Unite.

il cassone nella bocca di porto

L’operazione di affondamento nel canale della bocca di porto sarà eseguita in fase lunare di «quadratura»; ovvero di minima escursione di marea («morto d’acqua») e di condizioni meteo ottimali. L’affondamento, infatti, avviene nel periodo di inversione della marea, quando la corrente è quasi nulla.
Il cassone cala alla velocità di 40 centimetri al minuto e raggiunge il fondo marino dopo una discesa di circa un’ora.
Il movimento viene controllato con tolleranze inferiori al centimetro. A quel punto, a circa 28 metri di profondità, gli operatori affiancano e giuntano la struttura agli altri cassoni.




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151