Giurisprudenza | Consiglio di Stato

La dichiarazione del socio di maggioranza

Il socio titolare del 50% del capitale è certamente in grado di far valere la propria posizione nella direzione dell’impresa societaria, in particolare in quella a responsabilità limitata.

La sezione V del Consiglio di Stato (sentenza 30 agosto 2012 n. 4654) affronta la questione interpretativa dell’articolo 38 del Codice laddove fa riferimento all’obbligo di dichiarazione del «socio di maggioranza». Nel caso di specie, il Consiglio di Stato non condivide quanto affermato dal Giudice di primo grado, per il quale «il comma 1, lett. b), del ridetto art. 38 – nella versione risultante dalle modifiche introdotte con il dl n. 70/2011 – nel riferirsi al «socio di maggioranza», con l’impiego del singolare, allude esclusivamente a colui che «è proprietario, in forma diretta, del 50% + 1 del capitale», perché solo in questo caso è configurabile «una posizione di prevalenza tale da riconoscergli una sostanziale capacità di gestione della società», derivantegli dalla possibilità di imporre sempre la propria volontà «in termini decisionali positivi»; situazione che per contro – secondo il Giudice di primo grado – non è riscontrabile in caso di suddivisione perfettamente paritaria del capitale sociale.».

I giudici di Palazzo Spada ritengono, al contrario, che «il socio titolare del 50% del capitale è certamente in grado di far valere la propria posizione nella direzione dell’impresa societaria, in particolare in quella a responsabilità limitata, come si ricava da una piana lettura delle disposizioni del codice civile (..); – a quest’ultimo riguardo, si appalesa decisivo l’art. 2479-bis, nel cui III comma sono fissati i quorum costitutivi e deliberativi dell’assemblea, in ogni caso mai superiori alla «metà del capitale sociale»; – ne consegue che il titolare di tale porzione del capitale sociale è in grado di assumere tutte le decisioni necessarie al funzionamento della società, risultandone quindi smentito l’assunto, pur pregevolmente argomentato, su cui si impernia il contrario avviso del Giudice di primo grado, e cioè che il possesso del 50% del capitale conferisce al relativo titolare meri poteri di condizionamento negativo in ordine alle scelte di gestione della società. (..) La titolarità dei poteri di gestione attiva che deve invece annettersi alla titolarità di una tale porzione di capitale è evidentemente tale da indurre a ritenere che a essa si attagli la disposizione del codice dei contratti pubblici su cui si controverte in questo giudizio-art. 38, comma 1, lett. b)-, poiché è proprio in funzione della sostanziale direzione dell’impresa societaria che può spiegarsi l’estensione dei doveri dichiarativi in ordine ai requisiti di affidabilità morale nei pubblici appalti al soggetto formalmente privo di cariche amministrative».

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151