Sollevamento | Terex

La prima gru multistrada Explorer 5500 Terex impiegata nel Regno Unito

Inserita nella classe di capacità 130 t con una lunghezza del braccio principale di 60 m e una lunghezza massima del sistema pari a 86.5 m, la gru Terex Explorer 5500 è stata scelta da Leggat Plant per le dimensioni compatte e la versatilità nell’utilizzo.

La Leggat Plant, società fondata in Scozia con oltre 140 anni di attività nel settore dei trasporti e del noleggio macchinari per il mondo delle costruzioni, ha aggiunto al proprio parco macchine una gru multistrada Terex >> Explorer 5500, primo esemplare di questo modello disponibile in Regno Unito, portando a sette le gru dello stesso produttore disponibili al noleggio.
Inserita nella classe di capacità 130 t con una lunghezza del braccio principale di 60 m e una lunghezza massima del sistema pari a 86.5 m, la gru Terex Explorer 5500 è stata scelta dalla compagnia con sede a Glasgow per le dimensioni compatte e la versatilità nell’utilizzo, che consente di operare in modo efficace in siti con limitata disponibilità di spazio.

Leggat_Explorer 5500

La gru multistrada a 5 assi Terex Explorer 5500, con classe di capacità 130 tonnellate e lunghezza massima del braccio di 60 m, è concepita per combinare potenza e tenuta di strada. Il sistema automatico per l’impostazione del contrappeso da 39.8 tonnellate mette la macchina in condizione di lavorare in tempi brevi.
Uno degli aspetti principali è rappresentato dal concetto di motore singolo, che riduce i costi di gestione attraverso un consumo contenuto e una minore necessità manutentiva, e consente prestazioni ottimali sia per quanto riguarda il viaggio su strada che per le operazioni di sollevamento.

E’ dotata di un motore Scania da 368 kw/500 cv conforme alle direttive Euromot IV e Tier 4F o, in alternativa, Euromot IIIa e Tier 3 (331 kw/450 cv). Il risparmio energetico viene perseguito attraverso l’uso della tecnologia start/stop per la cabina superiore e il riconoscimento automatico da parte del sistema della richiesta di potenza della macchina, a seconda del tipo di operazione in corso: sollevamento o veicolo in marcia.

Il nuovo sistema di posizionamento asimmetrico consente di lavorare in un più elevato range di capacità con minor esigenza di contrappeso, incrementando in questo modo la versatilità e riducendo i costi relativi al trasporto.
Il nuovo display di monitoraggio touch screen Ic-1 e un dispositivo radio di controllo remoto sono entrambi finalizzati a incrementare la sicurezza e l’efficacia delle operazioni condotte in sito. Concepito per un funzionamento e una diffusione a livello globale, il sistema include 14 lingue pre-programmate. Un’altra novità è costituita dalla cabina climatizzata con apertura da 2.5 m e design ergonomico per facilitare l’utilizzo quotidiano da parte dell’operatore.




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151