Algeria | Edifici per il culto

La terza moschea più grande al mondo

Il sito scelto per il complesso si trova nella baia di Algeri a Mohamadia, a est della capitale. Il governo locale ha commissionato allo studio tedesco di architettura Ksp Jürgen Engel Architekten la realizzazione di un complesso che si estenderà su un’area di 400.000 mq.

«La Grande Mosquée», la terza Moschea più grande del mondo dopo la Mecca, in grado di contenere 820mila fedeli, e quella del Profeta a Medina, della capienza di 500mila persone, è attualmente in via di costruzione in Algeria.
Il sito scelto per il complesso si trova nella baia di Algeri a Mohamadia, a est della capitale. Il governo locale ha commissionato allo studio tedesco di architettura Ksp Jürgen Engel Architekten la realizzazione di un complesso che si estenderà su un’area di 400.000 mq.

8c

L’imponente realizzazione riunirà diverse istituzioni religiose e culturali sotto un unico complesso architettonico, caratterizzato da un minareto alto 265 m. Anche il resto dell’edificio ha dimensioni notevoli: la nuova moschea, che si sviluppa su un terreno di venti ettari, includerà una grande sala per la preghiera, aule dedicate alla lettura e allo studio del Corano, un centro ricerche sulla storia dell’Algeria, un museo dedicato all’arte e alla storia islamiche, una biblioteca da 200 postazioni, un parcheggio per 6mila autovetture, spazi commerciali e un ristorante. La sola area adibita alla preghiera sarà in grado di ospitare 35mila persone, e occuperà una superficie di due ettari.

Il minareto in corso di realizzazione è il più alto al mondo. Una vasta area di ingresso conduce agli ascensori panoramici, attraverso cui si può accedere ai vari spazi museali, ricreativi e per la ricerca, distribuiti su più livelli. In corrispondenza dell’ultimo è situato un ristorante con piattaforma panoramica.
Nello stesso sito sorgeranno anche edifici universitari e scuole, nel rispetto di un programma destinato a imprimere a tutta l’area urbana di Algeri una spinta importante verso la crescita.

Created with Nokia Smart Cam

Created with Nokia Smart Cam

Gli interni sono contraddistinti dall’impiego di materiali preziosi, colori e giochi di luce, allo scopo di offrire un effetto visuale di forte impatto.
Durante la fase di pianificazione sono emerse problematiche per cui il team ha dovuto concepire soluzioni specifiche, a cominciare dagli aspetti antisismici. L’area su cui è destinata a sorgere la nuova moschea è considerata infatti a elevato rischio di terremoti, e richiedeva dunque un’azione preventiva. A livello strutturale, è stato previsto così un massiccio ricorso all’acciaio, sia per motivi legati alla conservazione, che per garantire alla costruzione la massima resistenza al sisma.

I lavori, il cui appalto è stato vinto dal gruppo cinese China State Construction, hanno preso avvio ufficialmente nel 2011. Nella scelta dell’offerta ritenuta più conveniente, la società ha prevalso sul consorzio italo-libanese Arabian Construction Company- Astaldi e su quello ispano-algerino Etrhb Haddad-Cosider-Fcc.
Fra le altre aziende coinvolte figura Sanha per la parte impiantistica, con la fornitura di tubi e raccordi in acciaio.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151