Sud Africa | Anie

Le imprese italiane puntano su infrastrutture ed energia

Nei prossimi 9 anni il Governo sudafricano investirà 320 miliardi di euro per migliorare le infrastrutture del Paese.

Il programma prevede, in particolare, investimenti massicci nel settore dell’energia ed in quello dei trasporti. Degli 84 miliardi di euro di investimenti già stanziati per i prossimi 3 anni, infatti, 30 miliardi andranno al settore energetico e 26 miliardi a quello dei trasporti. Gli investimenti saranno garantiti da istituzioni pubbliche in partnership con soggetti privati. Tra i progetti a lungo termine anche la costruzione di una linea ferroviaria veloce tra Johannesburg e Durban.

Proprio in sud Africa, Confindustria Anie ha promosso di recente una missione alla quale hanno preso parte dieci imprese aderenti, che hanno incontrato imprese locali operanti nel campo dell’energia, dell’automazione, dei trasporti ferroviari e della sicurezza. Le imprese italiane operanti in sud Africa sono circa una cinquantina con una quota sul totale degli investimenti diretti esteri implementati nel Paese pari al 3%. Complessivamente, al 2011 il nostro Paese ha realizzato in Sud Africa investimenti diretti esteri pari a 500 milioni di euro. I principali settori che coinvolgono gli investitori italiani sono la meccanica strumentale, la componentistica, i mezzi di trasporto, la chimica e il tessile – abbigliamento. Nel 2011,l’Italia figura al 10° posto complessivo nella graduatoria dei principali Paesi fornitori del Sud Africa, con una quota del 2,7%, in crescita del 33% rispetto al 2010. Le esportazioni italiane verso il Sud Africa hanno superato la soglia di 1,7 miliardi di euro. Anche per il 2012 il trend dovrebbe confermarsi positivo, con un rialzo intorno ai 10 punti percentuali.

Claudio Andrea Gemme

Claudio Andrea Gemme, presidente Confindustria Anie

«L’attenzione di Confindustria Anie nel promuovere il made in Italy tecnologico all’estero si è rivolta con questa missione verso un mercato di grande interesse per lo sviluppo infrastrutturale, che giocherà un ruolo cruciale per la crescita del Paese nei prossimi anni. Il governo locale ha infatti pianificato massicci investimenti nelle infrastrutture tecnologiche per energia e trasporti».




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151