Escavatori | Egitto

Le macchine Doosan e Bobcat nei lavori di ampliamento del Canale di Suez

L’esercito egiziano ha avviato meno di un anno fa i lavori da 8,5 miliardi di dollari per l’ampliamento della profondità del canale originale e lo scavo di un nuovo canale di 35 km parallelo a quello principale, nell’ambito di un più ampio progetto per l’espansione dei traffici commerciali lungo la rotta marittima più veloce tra Europa e Asia.

Le macchine Doosan >> e Bobcat >> fornite da Otrac Heavy Equipment, concessionaria autorizzata Doosan e Bobcat per l’Egitto, hanno partecipato agli imponenti lavori per la realizzazione del raddoppio del Canale di Suez, opera inaugurata dal Presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi lo scorso agosto e annunciata come di portata storica per lo sviluppo economico del paese.
Il Canale di Suez risale alla metà del diciannovesimo secolo e l’infrastruttura originaria è stata completata nel novembre 1869. L’Egitto è stato il primo paese al mondo a realizzare nel proprio territorio un canale artificiale di questo tipo pensato per le esigenze del commercio internazionale. Collegando direttamente Mediterraneo e Mar Rosso, il Canale di Suez è la rotta più breve tra est e ovest.

image1

L’esercito egiziano ha avviato meno di un anno fa i lavori da 8,5 miliardi di dollari per l’ampliamento della profondità del canale originale e lo scavo di un nuovo canale di 35 km parallelo a quello principale, nell’ambito di un più ampio progetto per l’espansione dei traffici commerciali lungo la rotta marittima più veloce tra Europa e Asia.
Hatem Ouda, Presidente di Otrac Heavy Equipment, ha commentato: «Otrac è affermato in Egitto per gli escavatori Doosan e le pale compatte Bobcat, con un’ampia clientela nel settore pubblico e privato. Azienda attenta e che punta al domani, Otrac ha continuato a costruire il suo successo, fornendo macchine Doosan e Bobcat al Ministero della Difesa egiziano per i lavori di ampliamento del Canale di Suez». «Partecipando alla realizzazione di questo progetto, le nostre macchine sono entrate a far parte della storia del nostro paese. Tutto questo è stato reso possibile dalla fiducia accordata dal Ministero della Difesa a Otrac e alle nostre capacità».

image2

Durante la cerimonia di inaugurazione, il Presidente egiziano al-Sisi ha elogiato gli sforzi di tutti coloro che hanno partecipato ai lavori: «Il popolo egiziano ha compiuto un grande sforzo per donare al mondo questo contributo allo sviluppo e alla civiltà. Gli egiziani hanno dimostrato di sapere realizzare con efficienza un’opera di portata storica che rappresenta un balzo in avanti per il futuro e la prosperità dell’intera umanità». Alla cerimonia oltre al Presidente al-Sisi hanno partecipato anche il Presidente francese Francois Hollande; il Primo Ministro russo Dmitry Medvedev; Re Abdullah di Giordania e Re Hamad bin Isa Al Khalifa del Bahrein. Tra i presenti anche il Presidente della Palestina Mahmoud Abbas, l’Emiro del Kuwait, Sabah Al Ahmed Al Sabah e il Primo Ministro greco Alexis Tsipras.

Con l’apertura della nuova via d’acqua navigabile che consente ora il traffico nei due sensi, il governo egiziano punta a più che raddoppiare i profitti del Canale, fino ad arrivare a circa 13 miliardi di dollari in meno di un decennio. Le autorità governative puntano inoltre a realizzare nei prossimi cinque anni lungo il canale un polo industriale e logistico per attrarre investimenti dalle aziende che mirano a sviluppare le proprie attività lungo questa vitale rotta commerciale marittima tra Europa e Asia.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151