Saie 2014 | Roma, conferenza stampa

L’edizione Saie 2014: in primo piano ricerca e innovazione

Nella sede del Cnr a Roma è stata ufficialmente presentata la 50^ edizione del Saie che si tiene a Bologna dal 22 al 25 ottobre. Evento programmato all'insegna della ricerca e dell'innovazione per dare slancio al comparto delle costruzioni e rinnovare la politica industriale del settore.

Duccio Campagnoli | Presidente BolognaFiere
«La ripartenza delle costruzioni passa dalla capacità dell’industria italiana dell’edilizia di saper utilizzare le grandi potenzialità della ricerca e dell’innovazione esistente e disponibile.
Esiste un gap rilevante tra chi studia e crea soluzioni e il mercato, ovvero gli operatori, siano essi progettisti, imprese o tecnici.

È questo gap che il Saie vuole contribuire a colmare attraverso quella che è una vera e propria piattaforma della conoscenza applicata che verrà messa a disposizione del settore delle costruzioni, ovvero di tutti i suoi attori, dal 22 al 25 ottobre prossimo. Una piattaforma a sostegno di un’agenda di “cose da fare” che sottoporremo al Governo e ai rappresentanti delle istituzioni, delle forze politiche e del sistema delle costruzioni in un vero e proprio Forum di eccellenza che attraverserà l’intera manifestazione. Per quattro giorni a Bologna si metteranno a fuoco i nodi da sciogliere e le soluzioni per far ripartire l’edilizia e l’economia.
Da cinquant’anni il Saie costituisce l’appuntamento dove gli attori della filiera lunga delle costruzioni si confrontano con l’innovazione e le tecnologie. Mai come in questo momento così difficile la nostra fiera può dare un contributo importante agli operatori dell’edilizia offrendo soluzioni concrete e risposte innovative alle esigenze di un mercato in profonda trasformazione che richiede aggiornamento continuo e massima attenzione alla proposta tecnologica.
La lunga crisi che sta attraversando il settore si riflette negativamente anche sugli investimenti e sulla spesa in Ricerca e Sviluppo, ridottasi in un solo anno del 23,5%. Essenziale è riportare invece l’attenzione sulle potenzialità della nostra industria delle costruzioni e favorire una forte integrazione tra ricerca pubblica e privata, evidenziando le applicazioni e le soluzioni concrete.

Conferenza-stampa-Saie-2014-Roma-10-ottobre-2014-2_1

Nell’edizione di ottobre del Saie ospitiamo 20 Centri di Ricerca e Laboratori Universitari, insieme all’Enea, a Reluiss e a Reti d’Imprese che presenteranno i loro prototipi per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici, per garantire la massima sostenibilità non solo energetica, ma anche in termini di comfort e di minimo impatto ambientale. Grande attenzione viene data alla ricerca sui materiali innovativi ed eco-performanti. Progettisti e tecnici potranno verificare prestazioni e soluzioni attraverso l’utilizzo di tre laboratori mobili, messi a disposizione dalle Università di Bologna e di Napoli e da Eucentre.
Dall’edificio alla città. Grazie alla collaborazione con SmartCityExposition a Bologna negli stessi giorni sarà possibile sperimentare e aggiornarsi sulle principali ricerche e soluzioni innovative anche a dimensione urbana.

Saie-2014-conferenza-stampa-roma-cnr-10-ottobre_1

In entrambe le manifestazioni sarà possibile seguire percorsi di aggiornamento professionale, acquisendo i crediti.
Alla Saie Build Academy, un insieme di 35 corsi di formazione e di aggiornamento di eccellenza con la collaborazione delle maggiori università e con i Consigli nazionali e gli ordini provinciali delle diverse categorie del mondo della progettazione, hanno già aderito 8.000 professionisti. Sperimentazione innovativa, ricerca e formazione, ovvero contenuti concreti per rilanciare le costruzioni dal basso partendo dalla conoscenza e dall’aggiornamento».

Presentazione-SAIE-2014-conf-stampa-savoia

I partecipanti alla conferenza stampa di presentazione del Saie ospitata dal Cnr a Roma
L’intervento del presidente di BolognaFiere, Duccio Campagnoli ha introdotto la conferenza stampa per la presentazione del programma dell’edizione dei 50 anni della principale manifestazione fieristica italiana dedicata all’edilizia, evidenziando la grande attenzione al tema della ricerca e dell’innovazione.
Conferenza che è stata moderata da Carlo Mochi Sismondi, presidente di Forum PA e alla quale hanno partecipato:

Paolo Annunziato – direttore generale Cnr
Rodolfo Girardi – presidente di Federcostruzioni
Norbert Lantschner – presidente Climabita
Fabrizio Cobis – Autorità di gestione Pon Ricerca e competitività del Miur
Gaetano Manfredi – Rettore dell’Università Federico II di Napoli – Consorzio Re Luiss
Marco Savoia – Coordinatore del Comitato Scientifico di Saie
Lucio Ubertini – direttore H2CU, La Sapienza di Roma.
A nome di Giuseppe Nardella, presidente del Gruppo Tecniche Nuove è intervenuta Livia Randaccio, direttore editoriale delle testate del gruppo, Il Nuovo Cantiere, Imprese Edili e del portale EdiliziaNews. Qui di seguito riportiamo un estratto dell’intervento.

Livia Randaccio | La mediapartnership tra Saie e il Gruppo editoriale Tecniche Nuove
Quest’anno ricorre il 50esimo della fondazione di Tecniche Nuove, questo compleanno è stato sottolineato dall’inaugurazione del “Palazzo della Cultura”, a Milano, nuova sede del Gruppo.
Il caso ha voluto che, insieme a Tecniche Nuove, anche un’altra importante istituzione nell’ambito dell’universo delle costruzioni festeggiasse il proprio 50esimo: il Saie, appuntamento che da 50 anni funge da vetrina di tutto quanto è costruzioni.
Due compleanni festeggiati con la neonata mediapartnership tra Saie e Tecniche Nuove in cui rientra l’organizzazione di Architechnology, evento che al padiglione 26 mostrerà a istituzioni, imprenditori e professionisti una novità assoluta, che si può definire una ulteriore conferma della eccellenza produttiva italiana: ovvero Wasp che porterà in fiera il prototipo in funzione della stampante 3D per unità abitative, una tecnologia destinata a innovare radicalmente anche l’industria delle costruzioni.

Fermare la caduta della spesa in ricerca nelle costruzioni per rilanciare un settore strategico per il Paese.
Secondo l’ultimo rapporto Istat su La ricerca e sviluppo in Italia, presentato alla fine del 2013, nel 2011 la spesa per R&S intra-muros sostenuta da imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni private non profit e università risulta pari a 19,8 miliardi di euro.
Nel 2011 la spesa privata (profit e non profit) è risultata pari a 11,5 miliardi di euro, in aumento dell’1,8% rispetto al 2010. Il peso sulla spesa totale passa quindi dal 57,5% al 58%, grazie all’aumento della spesa sostenuta dalle imprese (+2,3%) e al parallelo calo registrato nelle istituzioni pubbliche (-1,3%). Le imprese hanno contribuito per il 54,6% alla spesa complessiva (coprivano il 53,9% nel 2010); il contributo delle università è stato pari al 28,6% (dal 28,8%), quello delle istituzioni pubbliche al 13,4% (dal 13,7%) e quello delle istituzioni non profit al 3,4% (dal 3,6%).
Ma se la spesa R&S registra nell’industria manifatturiera un aumento del 5,1% rispetto al 2010, superiore di ben 4 punti rispetto alla media, nel settore delle “costruzioni” invece si registra un calo dell’attività di R&S del 23,5%.
Nel 2011 la spesa in ricerca di base è diminuita del 5,7% rispetto al 2010, ciò è dovuto alla contrazione registrata in tutti i settori coinvolti nella rilevazione, con l’esclusione delle università (+0,4%). È invece aumentata la spesa in ricerca applicata (+1,9%) e in sviluppo sperimentale (+5,7%).
Nel 2011 il numero dei ricercatori (espresso in termini di unità equivalenti a tempo pieno) è pari a 106.151 unità con un incremento del 2,6% sul 2010. L’aumento è più elevato nelle istituzioni pubbliche (+7,3%) e nelle imprese (+3,9%). In lieve aumento i ricercatori nelle università (+0,8%), mentre nelle istituzioni private non profit si registra un calo del 10,2%. Le stime per il 2013, indicavano una diminuzione della spesa del 2,1% nelle istituzioni pubbliche e dello 0,7% nelle imprese.

Clicca qui per i dettagli su tutti gli eventi legati alla ricerca scientifica, all’innovazione tecnologica e alla formazione di questa edizione del Saie (22-25 ottobre) >>

Clicca qui per lo schema organizzativo predisposto dal prof. Marco Savoia, coordinatore del Comitato scientifico di Saie >>




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151