Italia | Strutture per lo sport

Legno lamellare con membrane scorrevoli

La soluzione sviluppata, che è stata insignita del premio «Ingegnere INNovativo», si basa su un metodo innovativo di connessione delle aste applicato a una struttura reticolare spaziale in legno lamellare.

È stato costruito a Torino un centro sportivo concepito appositamente per ospitare campi da tennis. L’elemento di eccellenza dell’intervento, che vede la collaborazione tra l’ingegnere Marco Tobadini e l’azienda piemontese Woodsystem >>, è costituito da una copertura con volte a vela in legno lamellare, la cui forma sinuosa è il risultato di considerazioni di carattere sia estetico che funzionale.

Doppia volta vela mq. 1444 - n°2 campi tennis Torino

La struttura spaziale è concepita infatti per accompagnare idealmente l’andamento della traiettoria di una pallina in senso longitudinale, favorendo negli utenti del centro una sensazione di maggiore avvolgimento. Allo stesso tempo vengono perseguiti con questa scelta degli obiettivi di efficienza energetica e rendimento, attraverso una significativa diminuzione del volume di aria da riscaldare durante il periodo invernale: il dato relativo al complesso realizzato corrisponde infatti a circa un terzo rispetto a una struttura costruita usando sistemi tradizionali. 

Torino

La soluzione sviluppata, che è stata insignita del premio «Ingegnere INNovativo», si basa su un metodo innovativo di connessione delle aste applicato a una struttura reticolare spaziale in legno lamellare. Tale sistema a travi dritte, inventato da Potito Pedone e brevettato da Woodsystem sia in Europa che negli Stati Uniti, ha consentito di semplificare la connessione tra legno e acciaio nel rispetto delle normative e della scienza delle costruzioni, conducendo alla realizzazione di una copertura a campata totalmente libera, senza interposizione di ulteriori appoggi. Il processo consiste nell’inserimento di un apposito foro, praticato sulla testa di ogni asta lamellare, di un terminale cilindrico opportunamente dimensionato. L’ancoraggio di questo terminale viene realizzato tramite incollaggio con l’impiego di una colla bi-componente a base epossidica, con caratteristiche di altissima resistenza a trazione e compressione.

lancia Torino

Tutti gli elementi metallici che compongono la copertura del centro sono stati trattati con processi di zincatura. Alle scelte riguardanti la geometria della copertura si affiancano quelle relative alla stratigrafia dell’involucro, che prevede l’impiego lungo tutto il perimetro di membrane scorrevoli in pvc, volte a consentire durante tutto il periodo estivo la ventilazione naturale, mantenendo in questo modo le condizioni climatiche interne a un livello ottimale anche in presenza di picchi di temperature. Sempre allo scopo di ottenere un risparmio di risorse energetiche, a livello impiantistico si è deciso di utilizzare uno stratificatore d’aria.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151