Expo Milano 2015 | Padiglione Thailandia

Minimizzato il fabbisogno energetico a Expo 2015

Il Padiglione tailandese è stato progettato tenendo in considerazione le indicazioni riportate nel documento Sustainable Solutions Guidelines. Sono stati considerati come punti principali la minimizzazione del fabbisogno di energia, l’utilizzo di materiali e tecnologie sostenibili, la riduzione del consumo d’acqua e la riduzione dell’effetto isola di calore. Per la fase di dismissione del fabbricato si punta alla minor produzione di rifiuti, al contenimento di polveri e al riassortimento del terreno.

Il padiglione della Thailandia è posizionato direttamente sull’asse del decumano e la sua geometria è caratterizzata dal volume centrale che riprende il Ngob, tipico cappello dei coltivatori di riso tailandesi. L’intero edificio ricopre una superficie di circa 2.950 mq con una lunghezza di circa 100 m e una larghezza di circa 30 m. L’altezza arriva fino a 11,80 m mentre il Ngob arriva puntualmente fino a 15,00 m di altezza. La parte sud dell’edificio è costituita da una rampa di circa 60 m di lunghezza e larghezza media di 4 m che collega il pianterreno al primo piano. Il corpo principale dell’edificio è distribuito su 3 piani fuori terra ed è lungo circa 40 m. Le zone esterne comprendono una rampa d’ingresso costeggiata da risaie lungo il lato del Cardo e uno spazio sul fronte sud est antistante l’area del negozio di prodotti tipici e la Fontana del Naga, attrezzato con panchine e delimitato da prato.

04a-Thailand (1)

Per le fondazioni dell’edificio principale è stata gettata una platea continua di spessore pari a 45 cm in calcestruzzo armato impostata a -0.90 m dal piano di campagna. Anche la passerella di accesso presenta una fondazione del tipo a platea continua ma di spessore pari a 30 cm su strato di calcestruzzo magro, impostata alla stessa quota -0.90 m di quella dell’edificio principale. Dal punto di vista strutturale la fondazione del tipo a platea, rispetto a fondazioni superficiali isolate a plinto o a trave ha consentito di limitare la pressione sul terreno, ridurre i possibili cedimenti differenziali associati a una disomogenea distribuzione dei carichi in elevazione e velocizzare le operazioni di cantiere. Le strutture in elevazione, in carpenteria metallica, sono fissate alle fondazioni mediante tirafondi d’acciaio classe M30 preventivamente posizionati nel getto.

04b-Tailandia (4)

Le strutture in elevazione sono state realizzate in carpenteria metallica per l’edificio principale, e in legno e acciaio per la passerella di accesso. La passerella di accesso si compone essenzialmente di due parti: la prima che consente l’accesso dei visitatori all’edificio principale, la seconda invece adibita a ospitare negozi. La prima porzione presenta telai in acciaio Hea160 a sostegno del piano di camminamento formato da una soletta in calcestruzzo gettata su lamiera grecata collaborante con altezza di 14 cm: su quest’ultimi sono stati impostati altri telai realizzati con montanti e travi in legno lamellare dal diametro di 22 cm e travi di sezione pari a 20 cm sempre in legno lamellare a sostegno della copertura in policarbonato. La seconda porzione è costituita da telai realizzati interamente in carpenteria metallica Hea240 a interasse 4 m. La copertura a verde di questa porzione è sostenuta da una soletta in getto su lamiera grecata collaborante con altezza di 12 cm.

04c-Thailand (5)

Per la resistenza alle azioni orizzontali in direzione trasversale, sia per la zona negozi che per quella della passerella, è stato utilizzato lo schema con sistema a telaio; in direzione longitudinale son stati considerati due differenti schemi per le due aree. La struttura di copertura della rampa di ingresso è composta da colonne circolari in legno lamellare e travi in legno a sezione rettangolare, la parte traslucida è costituita da pannelli di policarbonato trasparente con elementi frangisole costituiti da reti in fibre naturali.

04d-Thailand (2)

L’edificio principale, posto a confine con la via d’acqua interna, si sviluppa su tre piani fuori terra compresa la copertura. I piani sono costituiti da impalcati in carpenteria metallica con solette in lamiera grecata collaborante e getto di completamento in calcestruzzo spessore 14 cm e 12 cm per la copertura. Gli impalcati metallici sono costituiti da travi laminate con profilo Ipe240 tipico, sostenuti da colonne in acciaio con differenti sezioni, con profilo Hea240 tipico o circolare cava. Le colonne sono disposte su una maglia irregolare che si adatta al progetto architettonico.

04e-Thailand (9)

Dal punto di vista statico, l’edificio è caratterizzato da uno schema pendolare con connessioni tra gli elementi strutturali del tipo a cerniera.
La resistenza alle azioni orizzontali è affidata ai sistemi di controventamento verticale disposti secondo le due direzioni principali dell’edificio. La rigidezza degli orizzontamenti è garantita dalla presenza della soletta in lamiera grecata e getto di completamento. Il corpo principale è stato rivestito in lastre di alluminio con spessore tipico di 4 mm disposte secondo tre diverse angolature, mentre il prospetto rimanente ha la struttura portante a vista e degli elementi metallici disposti a losanga per il posizionamento di piante rampicanti.

Le passerelle di collegamento all’interno della sala espositiva Show 2 hanno luce di circa 16 m e larghezza pari a 2 m. La struttura delle passerelle è del tipo a ponte aperto con un piano di camminamento in lamiera grecata e getto sostenuto da travi parapetto reticolari. Gli elementi in carpenteria metallica sono costituiti da profilati ad H. La struttura denominata Ngob costituisce la copertura della hall di ingresso e della sala espositiva Show 1. Risulta costituita da una struttura a forma di tronco di cono in cui le colonne Hea220A disposte lungo il perimetro sono unite da travi così da formare, a ogni piano, degli anelli di irrigidimento. Questi anelli presentano un collegamento a sistema reticolare in acciaio esterno che si sviluppa lungo tutta la superficie di questa porzione di edificio e al quale si collegano gli elementi che formano il brise-soleil di facciata. Questi ultimi sono costituiti da lame in legno lamellare con dimensioni che vanno da un minimo di 8 cm per 24 cm con inclinazione pari a 0 gradi sino al massimo di 8 cm per 52 cm inclinato di 60 gradi. La struttura in acciaio del Ngob è formata da anelli in tubolare tondo di differente diametro, da montanti in profilato ad H e da controventi in tubolare a sezione rettangolare.

Le aree esterne a verde comprendono una zona a risaia sul fronte del Cardo, divisa in tre differenti aree con tre diversi stadi di maturazione del riso e da zone verdi di confine gli altri padiglioni con la piantumazione dei piccoli arbusti. Complessivamente l’area verde risulta superiore al 50%.

04f-Thailand (8)

Climatizzazione ambienti. Per il sistema di produzione dell’energia termica e frigorifera è stato scelto un sistema a pompa di calore reversibile con portata di fluido refrigerante variabile (Vrf) e con condensazione ad acqua, in grado di assolvere alle funzioni che tipicamente vengono demandate a un sistema idronico a 2 tubi. L’acqua di condensazione è fornita dalla rete Expo a servizio dei vari padiglioni presenti. Per le zone a piano terra in cui sono stati allestiti serramenti apribili, la ventilazione è di tipo naturale senza ricorso ad apparecchiature meccaniche.

Sostenibilità. Il Padiglione tailandese è stato progettato tenendo in considerazione le indicazioni riportate nel documento Sustainable Solutions Guidelines; in particolare per quanto concerne le fasi di progettazione e di dismissione a fine manifestazione. Per la progettazione sono stati considerati punti principali la minimizzazione del fabbisogno di energia, l’utilizzo di materiali e tecnologie sostenibili, la riduzione del consumo d’acqua e la riduzione dell’effetto isola di calore. Per la fase di dismissione del fabbricato si punta alla minor produzione di rifiuti, al contenimento di polveri e al riassortimento del terreno.

IL CANTIERE
Paese: Thailandia
Tema: Nutrire e deliziare il mondo in modo sostenibile
Progettazione architettonica: Oba The Office of Bangkok Architects
General contractor Tailandia: Work Right Jv
Progettazione architettonica locale e strutturale: Work in Progress Srl
General contractor Italia: Padiglioni Expo Scarl
Progettazione architettonica del paesaggio: Landprocess Co. Ltd.
Progettista impianti meccanici e elettrici: Work in Progress Srl
Carpenterie metalliche: Ged Srl
Carpenterie lignee: Lignoalp
Superficie coperta complessiva: 2.950 mq

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151