Sicurezza | Adempimenti

Modelli semplificati per la valutazione dei rischi nei cantieri

Le semplificazioni riguardano gli adempimenti previsti dal Testo unico sulla sicurezza con riferimento ai cantieri temporali oppure mobili, per questi il Tu fa riferimento a qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili e di ingegneria civile.

In attuazione del decreto Fare (Dl n. 69/2013) hanno avuto l’avvio i modelli semplificati per la predisposizione del Piano operativo di sicurezza (Pos) da parte delle imprese del Piano di sicurezza e di coordinamento (Psc) e del fascicolo dell’opera (Fo) da parte dei coordinatori per la progettazione e del Piano di sicurezza sostitutivo del Psc (Pss) da parte dei committenti.
I nuovi modelli sono stati approvati da un apposito decreto interministeriale (ministero salute, ministero lavoro, ministero trasporti).

repertorio

Lavori edili e di ingegneria civile. Le semplificazioni riguardano gli adempimenti previsti dal Testo unico sulla sicurezza con riferimento ai cantieri temporali oppure mobili, per questi il Tu fa riferimento a qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili e di ingegneria civile, ovvero lavori di manutenzione, costruzione, demolizione, conservazione, riparazione, ristrutturazione, risanamento, equipaggiamento, trasformazione, rinnovamento e lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee in muratura, in metallo, in legno, in cemento armato o altri materiali comprese le parti strutturali delle linee elettriche e le parte strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, idrauliche, ferroviarie, idroelettriche, marittime e solo per la parte che comporta lavori edili e di ingegneria civile le opere di bonifica, di sistemazione forestale, di sterramento, i lavori di costruzione edile o di ingegneria civile, di scavi, il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile.

Pos-Psc-Fascicolo dell’opera. La semplificazione è stata prevista dal decreto che inserendo l’articolo 104 bis al Testo unico sicurezza aveva demandata a uno specifico decreto interministeriale l’adozione di modelli semplificativi relativi a Pos, Psc e Fo. Lo stesso decreto con l’inserimento del comma 2 bis del articolo 131 del codice dei contratti pubblici aveva demandato al decreto interministeriale anche l’adozione di un modello semplificato riguardante il piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e coordinamento (Pss).

Il Pos è il primo modello semplificato, vale a dire il documento di valutazione dei rischi la cui specifica è obbligatoria da parte del datore di lavoro dell’impresa esecutrice dei lavori in cantiere e con riferimento a ogni singolo cantiere presso il quale presti l’opera.

Il secondo modello semplificato, il Psc, è parte integrante del contratto di appalto: questo piano è formato da una relazione tecnica e da prescrizioni correlate alla complessità dell’opera da realizzare e alle eventuali fasi critiche del processo di costruzione, adatte a prevenire i rischi per la sicurezza dei lavoratori (insieme alla riduzione degli stessi rischi).

Il Fo è il terzo modello: alla sua redazione è tenuto il coordinatore per la progettazione. Il fascicolo deve contenere le informazioni utili ai fini della prevenzione e protezione dei rischia a cui sono sottoposti i lavoratori. La redazione non è obbligatoria per le opere di manutenzione ordinaria.

Per quanto concerne il Pss, la sua redazione è obbligatoria da parte dell’appaltatore quando il Psc sia previsto ai sensi del Testo unico della sicurezza.




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151