Energia | Usa

Obama investe 23 miliardi nelle rinnovabili

Gli Stati uniti vogliono puntare sull’energia pulita con crediti d’imposta permanenti per la produzione di rinnovabili e iniziative di efficienza energetica.

Il budget di Obama prevede più soldi per la ricerca sull’energia eolica e tagli all’energia nucleare e al carbone pulito.

Anziché cedere alle pressioni di chi aveva criticato la sua politica energetica verde e gli stanziamenti pubblici alla società del fotovoltaico Solyndra, finita in amministrazione controllata,

Obama ha deciso di puntare ancor di più sull’energia pulita e di rendere addirittura permanenti i crediti d’imposta per la produzione di rinnovabili e per iniziative di efficienza energetica.  La Casa Bianca ha proposto uno stanziamento di 23 miliardi di dollari in incentivi per la produzione di energia rinnovabile nell’arco dei prossimi 10 anni, oltre ad altri 2,5 miliardi in crediti d’imposta per gli investimenti nella produzione di energia pulita. Gli stanziamenti per la ricerca sull’energia rinnovabile e per rendere più efficienti i processi manifatturieri saliranno del 50% a 2,77 miliardi e saranno finanziati grazie alla contemporanea eliminazione dei sussidi per le compagnie petrolifere. La Casa Bianca vorrebbe, inoltre, aumentare il costo dei permessi per estrarre petrolio o gas da terre di proprietà del governo e usare i proventi (2 miliardi di dollari) per finanziare la ricerca sull’efficienza energetica nei trasporti. Infine, Obama vuole offrire un premio di 200 milioni di dollari agli Stati che adottano regolamenti per far scendere il consumo di energia e che investono nell’infrastruttura elettrica. Ora il budget passa al Parlamento, dove i repubblicani hanno già annunciato battaglia. Facile prevedere che la proposta più controversa sarà l’eliminazione dei sussidi al settore petrolifero, proposta che ha già sollevato l’irata reazione della potente lobby. Se, però, le proposte sulla cleanenergy dovessero passare, potrebbero aprirsi interessanti spazi di business per le imprese italiane più internazionali, con un forte knowhow nel settore. Gli analisti di Intermonte, commentando le proposte di Obama, vedono favorita Enel Green Power, che negli Usa ha siglato importati accordi di sviluppo (il più recente dei quali con Gè), per la realizzazione di capacità eolica.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151