Concorsi | Casseforme e attrezzature provvisionali

Peri Construction Exercise alla decima edizione

Peri seleziona un progetto reale già portato a termine, per il quale viene richiesto uno studio completo, dall’allestimento del cantiere alla soluzione delle casseforme, fino alla pianificazione delle diverse fasi del processo di costruzione. Esperti del settore valutano i lavori prodotti e formano poi la giuria che pronuncia il responso finale.

Da molti anni Peri sostiene e incoraggia in diversi modi le giovani leve. Università e istituti di formazione vengono dotati di casseforme e attrezzature provvisionali per scopi didattici; frequenti convegni organizzati per i docenti aggiornano sui progressi nel settore.

PERI-Construction-Excercise

Foto di gruppo con tutti i partecipanti alla fase finale e con la giuria di esperti nella sala esposizione della Peri GmbH a Weissenhorn (@Peri GmbH).

 

Peri è inoltre impegnata a trasmettere ai futuri professionisti e ingegneri civili ed edili le conoscenze all’avanguardia nel mondo delle casseforme e delle impalcature, attraverso corsi di formazione, visite guidate in cantiere e numerose altre attività.

Il concorso. Uno degli interventi di maggiore rilievo in questo senso è il Construction Exercise, il concorso internazionale che ora celebra un importante anniversario. Il Construction Exercise nasce con Peri nel 1997 e gode da subito di grande favore sia da parte dei docenti che da parte degli studenti, proponendo contenuti didattici fortemente focalizzati alla pratica della futura professione dei partecipanti.
Per l’esercitazione, Peri seleziona un progetto reale già portato a termine, per il quale viene richiesto uno studio completo, dall’allestimento del cantiere alla soluzione delle casseforme, fino alla pianificazione delle diverse fasi del processo di costruzione.
Esperti del settore valutano i lavori prodotti e formano poi la giuria che pronuncia il responso finale. Il concorso rappresenta per gli studenti anche un’opportunità per entrare in contatto con potenziali datori di lavoro e con il mondo dell’industria delle costruzioni.
L’elevato numero di partecipanti dimostra quanto sia alto l’interesse dei giovani studenti: se le prime edizioni negli anni ‘90 hanno visto la partecipazione di una ventina di squadre ogni anno, questo numero ha è aumentato fino a essere raddoppiato: così il numero totale di squadre partecipanti nelle passate nove edizioni ha raggiunto quota 250.

Aperto ora il bando anche per la decima edizione, Peri prevede numerose partecipazioni da tutto il mondo e ha quindi già reso disponibile tutta la documentazione e le necessarie informazioni relative all’edizione dell’anniversario. L’esercitazione può essere svolta da gruppi di massimo 5 persone e le soluzioni dovranno essere consegnate, in lingua inglese o tedesca, entro il 31 luglio 2015. Le condizioni di partecipazione e tutta la documentazione richiesta sono disponibili sul sito www.peri.com alla sezione Knowledge (Fachwissen). 38 i team che hanno presentato le loro ingegnose soluzioni alla 9a edizione (2012/13) del Construction Exercise.
I cinque migliori lavori scelti come finalisti sono stati presentati lo scorso novembre a un pubblico selezionato e alla giuria tecnica presso il Centro di Formazione Peri a Weissenhorn. Grazie a una elaborazione accurata e a una convincente presentazione, il team dell’Università per le Scienze Applicate (Fachhochshule) di Kaiserslautern si è aggiudicato il primo premio. E non solo per loro, ma anche per tutte le squadre arrivate in finale, oltre al premio in denaro è stato organizzato un programma di due giorni a Ulm e dintorni, che ha previsto, tra altre iniziative, una visita guidata all’edificio tema del concorso e un tour alla Cattedrale della città.

Il dettaglio della classifica della nona edizione: al 1°posto Anton Warkentin e Alexander Witt dell’Università per le Scienze Applicate (Fachhochschule), Kaiserslautern, al 2° posto Canpolat Korkut dell’Università di Stoccarda, al 3° posto Daniel Peukert e Markus Weber dell’Istituto tecnico Kerschensteiner di Reutlingen, al 4° posto Simon Sterlike, Carla Pütz, Sabrina Müller e Hendrik Hafner della Scuola superiore Baden Württemberg di Mosbach; 5° posto Stephanie Schmidt, Dominic Kühner, Tobias Mäurer e Yvonne Lindemann dell’Università per le Scienze applicate di Erfurt.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151