Oice | Project finance

Riprogrammare le incompiute

Nell’ottica del disegno di legge delega sugli appalti, all’esame del Parlamento, Patrizia Lotti ha affermato che bisogna porre fine alla vessazione del progettista e del progetto e ridare dignità alla fase progettuale.

Centralità del progetto e dignità per il ruolo del progettista; trasparenza negli affidamenti anche attraverso una maggiore competenza e professionalità dei commissari di gara.
Sono stati questi alcuni dei punti toccati dall’ing. Patrizia Lotti, presidente dell’Oice >>, l’associazione delle società di ingegneria aderente a Confindustria, durante la tavola rotonda del Convegno «Opere incompiute: quale futuro? – Nuove esigenze e opportunità per il Paese», organizzato a Roma presso la «Vela di Calatrava» dal Ministero delle infrastrutture, da Itaca e dalla Conferenza Stato-Regioni.

vela di calatrava

Patrizia Lotti, dopo avere apprezzato il lavoro condotto dal Ministero delle infrastrutture sul censimento delle incompiute, ha sottolineato come sia «fondamentale riprogrammare laddove possibile le incompiute favorendo il riutilizzo dell’opera sia attraverso interventi del settore privato in project finance, sia attraverso i mutamenti di destinazione d’uso, ma altrettanto fondamentale è porre attenzione alla programmazione che deve essere più accorta e dettagliata, al fine di evitare spreco di risorse pubbliche».

Anche nell’ottica del disegno di legge delega sugli appalti, all’esame del Parlamento, Patrizia Lotti ha affermato che «bisogna porre fine alla vessazione del progettista e del progetto e ridare dignità alla fase progettuale; è poi necessaria più trasparenza e qualità negli affidamenti, superando la logica dei ribassi nelle gare di servizi di ingegneria e architettura ed elevando la qualità di chi deve scegliere l’affidatario del contratto, che deve essere qualificato professionalmente e competente, così come del progettista che deve svolgere il suo lavoro nei tempi giusti e con corrispettivi adeguati».

In precedenza, il Vice Ministro delle infrastrutture Riccardo Nencini, dopo avere ricordato che il monitoraggio delle opere incompiute ha portato a rilevare 693 interventi per i quali erano stati stanziati 3,5 mld e che oggi necessitano 2,3 miliardi per portarli a compimento, aveva lanciato le seguenti proposte:
1) prevedere bonus fiscali e cambi di destinazione d’uso per imprese e enti locali che intendono completare le opere;
2) istituire un tavolo di lavoro per valutare quali opere completare;
3) istituire un fondo annuale per le incompiute;
4) incentivare le amministrazioni che inseriscono come priorità dei loro interventi il completamento delle opere incompiute.
I lavori sono stati chiusi dall’avv. Bernadette Veca, Direttore direzione regolazione del Mit, che ha espresso la volontà del Ministero di avviare una proposta normativa di urgenza per risolvere i problemi che il completamento di tali opere comportano.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151