Europa | Eolico offshore

Si raggiungeranno i 300 gigawatt

Dal 2003 la potenza installata in Europa è aumentata di 10 volte. Quest'anno infatti si dovrebbero raggiungere i 300 gigawatt complessivi, soprattutto grazie al London, il parco eolico più grande del mondo, inaugurato in luglio alla foce del Tamigi.

Dal 2003 la potenza installata in Europa è aumentata di 10 volte. Nel primo semestre del 2013 si è già installato oltre 1 gigawatt di potenza eolica, il doppio rispetto allo stesso periodo del 2012, soprattutto grazie al London, il parco eolico più grande del mondo, inaugurato in luglio alla foce del Tamigi. Nel Regno Unito, ormai, il vento ha più addetti del carbone. Con 58 parchi nelle acque di dieci Paesi, la potenza cumulativa dell’eolico offshore europeo è arrivata 6 gigawatt. Altri 21 parchi in via di realizzazione dovrebbero farla raddoppiare nel prossimo futuro. Ma l’Europa, che per ora ha il quasi monopolio di questa tecnologia, non cresce solo nell’eolico offshore.

L’Europa dell’Est e l’America Latina sono le nuove emergenti dell’energia del vento. Cina, Usa e Germania restano le nazioni con più eolico installato e la Danimarca il Paese con più installato pro capite. L’Europa, quindi, rimane fra le aree trainanti, che quest’anno dovrebbero raggiungere i 300 gigawatt complessivi, dieci volte l’installato rispetto a dieci anni fa, quando a fine 2002 l’eolico globale non superava i 31 gigawatt di potenza. E la crescita prosegue: la previsione della World Wind Association è che già nel 2016 si passerà la soglia dei 500 gigawatt installati, per arrivare a mille gigawatt nel 2020.
Il campione mondiale, come in tulle le altre installazioni energetiche, è sempre la Cina. Nel 2012 il vento ha prodotto in Cina più elettricità del nucleare. Grazie ai corposi investimenti in una serie di mega parchi e alle autostrade ad altissima tensione che entreranno in esercizio nel 2014 per connettere le aree più ventose del Paese con i centri di consumo sulle coste orientali, la potenza eolica cinese è destinala a battere tutti i record. Il secondo mercato per potenza installata restano gli Stati Uniti. Segue a distanza la Germania, che con i suoi 30 gigawatt eolici riesce a coprire l’11 per cento del suo fabbisogno elettrico.
Per trovare i Paesi emergenti dell’energia del vento bisogna andare a Est: Romania. Polonia, Estonia. Finlandia, Bulgaria occupano quasi lutti i primi posti nella graduatoria dei Paesi dove l’eolico cresce più in fretta. Ancora più a Est, la Turchia punta ad arrivare a 20 gigawatt installati entro il 2020, moltiplicando per dieci la potenza eolica di cui dispone oggi. A parte la Cina è l’India in Asia il mercato dove l’energia del vento cresce più in fretta.




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151