Fondazione Promozione Acciaio | Trend & mercati

Simona Martelli (Fpa): «l’acciaio è un’opportunità per lo sviluppo della nuova edilizia e per il Paese»

Così la direttrice della Fondazione Promozione Acciaio illustrando i dati della ricerca condotta dal Politecnico di Milano sull’utilizzo e sullo sviluppo dell’acciaio nell’edilizia non residenziale in Italia negli ultimi dieci anni, passando dal 18% al 33%.

Simona Martelli | Direttore generale Fondazione Promozione Acciaio

Simona Martelli | Direttore generale Fondazione Promozione Acciaio

Simona Martelli | Direttore generale Fondazione Promozione Acciaio

«L’acciaio è un materiale green, quello utilizzato nelle costruzioni proviene da materiale riciclato ed è totalmente riciclabile, per questo oggi lo possiamo definire come un patrimonio italiano al servizio dello sviluppo del Paese. Molte sono le opere divenute icone dell’architettura contemporanea realizzate grazie al contributo determinante dell’acciaio e accanto a queste innumerevoli sono gli edifici industriali, quelli produttivi, le scuole, gli ospedali e le infrastrutture che hanno un’anima in acciaio. Questo materiale è un’importante opportunità nell’evoluzione del mercato immobiliare. È garanzia di sicurezza di fronte alle azioni sismiche, consente cambi di destinazione d’uso, permette di realizzare edifici ad alta efficienza energetica e l’alto grado di prefabbricazione della carpenteria metallica permette la realizzazione di soluzioni chiavi in mano, ovviamente in tempi e a costi ridotti. In questi anni, come Fondazione Promozione Acciaio, abbiamo agito per dare valore alla costruzione in acciaio divulgando tra i progettisti la conoscenza delle sue peculiarità, così abbiamo operato per cambiare la percezione dell’acciaio innalzandone la reputazione e abbiamo formato i professionisti migliorando le loro competenze. Fondazione è quindi la concretizzazione di un progetto di promozione e di sviluppo continuo per l’acciaio nelle costruzioni e in occasione del convegno del decennale presenteremo le linee programmatiche che saranno l’asse portante della nostra attività di fondazione per il prossimo quinquennio».

Luca Benetti | Direttore Stahlbau Pichler «In Italia le potenzialità dell’acciaio nel settore delle costruzioni sono quasi sconosciute, nelle nostre Università a farla da padrone è il calcestruzzo armato. Anche sul fronte delle maestranze di cantiere mancano professionalità adeguate in numero e conoscenze. C’è tantissimo da fare quindi sul fronte della promozione culturale e della formazione. Va anche detto che si sta comprendendo che l’acciaio non si utilizza solo nei grattacieli ma che è un driver di sviluppo anche nella cosiddetta edilizia diffusa fatta di residenziale, strutture ricettive, scuole…»

Luca Benetti | Direttore commerciale Stahlbau Pichler
«In Italia le potenzialità dell’acciaio nel settore delle costruzioni sono quasi sconosciute, nelle nostre Università a farla da padrone è il calcestruzzo armato. Anche sul fronte delle maestranze di cantiere mancano professionalità adeguate in numero e conoscenze. C’è tantissimo da fare quindi sul fronte della promozione culturale e della formazione. Va anche detto che si sta comprendendo che l’acciaio non si utilizza solo nei grattacieli ma che è un driver di sviluppo anche nella cosiddetta edilizia diffusa fatta di residenziale, strutture ricettive, scuole…»

La ricerca del Politecnico di Milano. Così Simona Martelli in occasione della presentazione della ricerca svolta dal Politecnico di Milano sull’«Utilizzo dei materiali nel mercato delle costruzioni non residenziali in Italia. Analisi della diffusione dei prodotti in acciaio. Trend degli ultimi dieci anni e sviluppi futuri del mercato immobiliare», elaborato che sarà oggetto di approfondimento e ulteriore confronto il prossimo 25 novembre a Milano, al Mudec, il museo delle culture, in occasione del convegno «Prospettive dell’acciaio nelle costruzioni: un patrimonio italiano al servizio del Paese».
La ricerca svolta dal Dipartimento di architettura e ingegneria delle costruzioni e ambiente, su mandato della Fondazione Promozione Acciaio >>, ha fatto leva su 240 progetti riguardanti un milione di mq di superficie (pari al 14% della superficie complessiva Istat 2012), su di un lavoro di analisi qualitativa dei risultati raggiunti e sulle considerazioni rilasciate dagli operatori del comparto delle costruzioni.
Quanto emerge dalla ricerca, confermato dai dati di mercato, è l’importanza che l’acciaio sta assumendo, un ruolo ancor più rilevante nell’ambito del mercato delle costruzioni in Italia, in particolare nel non residenziale.
Per comprendere meglio questo trend si fa riferimento ai dati: in Europa il mercato delle costruzioni rappresenta l’11% del Pil (con 17 milioni di addetti), sul territorio italiano rappresenta il 9,6% del Pil, due milioni di addetti e il 50% degli investimenti. In dieci anni l’uso dell’acciaio nelle strutture non residenziali è passato dal 18% al 33%, un utilizzo su vasta scala sia in nuovi lavori sia in lavori di recupero e consolidamento del costruito. Soprattutto è andata via via rafforzandosi la convinzione che l’acciaio sia un «materiale leggero, sicuro, riciclabile», un’evoluzione degli aspetti culturali che oggi ci fanno dire che l’acciaio, un tempo tallone d’Achille in tema di vulnerabilità al fuoco, ora è percepito come prodotto sicuro e leggero. Convinzione che si è consolidata grazie ad una maggiore attenzione agli aspetti tecnici relativi al materiale, al suo utilizzo e al sempre più crescente sviluppo normativo in linea coi dettami europei. Un domani, quello legato all’acciaio, che si sta dimostrando sempre più teso alla riqualificazione dell’esistente, alla conservazione del suolo e dell’ambiente.

Per approfondimenti sull’indagine svolta dal Dipartimento di architettura e ingegneria delle costruzioni e ambiente del politecnico di Milano clicca qui >>

Condividi quest’articolo
1 commento a questo articoloInvia il tuo
  1. Ho letto l’articolo e’, sono d’accordo con voi delle potenzialita’ dell’acciao se,
    usato in modo giusto e consapevole.
    Attualmente ritengo che il c.a.p sia il migliore composito di uso comune.
    Sono un ingegnere ho trattato il c.a.p,nella mia tesi , ritengo che questi due materiali insieme daranno tanto soddisfazioni dal punto di vista tecnologico.
    Da calcoli posso dire che il c.a.p. si comporta in modo superiore al solo acciaio, almeno nel campo delle costruzioni.

Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2018 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151