Regno Unito | Birmingham New Street Station

Stazione ferroviaria con involucro in acciaio

Il concept architettonico elaborato da Azpml a partire dallo schema di Foa cerca d'ottenere un’architettura dal forte valore iconico, ma al tempo stesso in grado di comunicare al pubblico la funzione dell’edificio e la sua peculiarità principale, che è quella di essere collocato nel pieno del centro cittadino.

Il processo di rinnovamento che ha interessato la stazione ferroviaria New Street Station a Birmingham, importante polo del sistema di trasporti locale, ha preso avvio nel 2007 con un concorso di architettura bandito da Network Rail e Riba per la riorganizzazione, la creazione di una nuova facciata su strada e un grande atrio di ingresso. L’intenzione dichiarata dalla committenza fin da questa fase era quella di ottenere un edificio dalla forte connotazione, in grado di diventare un landmark facilmente riconoscibile e associabile alla città.

(foto Network Rail - Azpml)

(foto Network Rail – Azpml)

Tra le proposte dei sei studi che avevano superato la fase di preselezione (Crab Studio, Foreign Office Architects, Idom Uk Ltd, Lab Architecture Studio, Un Studio e Rafael Viñoly Architects), è risultata vincitrice nel 2008 quella di Foreign Office Architects. Oltre a occupare una posizione importante all’interno della città, la stazione costituisce il primo accesso e la prima immagine di Birmingham fornita alla grande quantità di visitatori provenienti dalle Midlands. Il concept architettonico elaborato da Azpml a partire dallo schema di Foa si spinge proprio in questa direzione, cercando di ottenere un’architettura dal forte valore iconico, ma al tempo stesso in grado di comunicare al pubblico la funzione dell’edificio e la sua peculiarità principale, che è quella di essere collocato nel pieno del centro cittadino, dove convergono i canali più importanti e vie di epoca romana.

Lo spunto è stato fornito dalla natura dinamica del tema legato alla ferrovia, e la sua interpretazione in chiave architettonica ha portato alla creazione di forme ondulate e complesse, concepite per cambiare la percezione del contesto urbano nei dintorni della stazione, tramite la visione riflessa di alcune porzioni selezionate del paesaggio circostante. Per il rivestimento esterno è stata quindi scelta una superficie in acciaio riflettente, interrotta in corrispondenza dei quattro principali punti di accesso da schermi mediatici a forma di «occhio», integrati nel sistema facciata sviluppato da Aktii.

(foto Network Rail - Azpml)

(foto Network Rail – Azpml)

I lavori sono iniziati nel 2010, mentre la parte interessata dalla prima fase del programma di rinnovamento è stata aperta al pubblico nell’aprile 2013. Il completamento definitivo è atteso per la seconda metà del 2015, quando la Birmingham New Street Station sarà tre volte e mezza più grande rispetto all’edificio originario. Il flusso annuale attraverso la stazione e lo shopping centre – ristrutturato per l’occasione – previsto da Network Rail per quando la struttura inizierà a funzionare a pieno regime è quantificabile in 50 milioni di viaggiatori. Nell’area saranno presenti quaranta negozi e venti ristoranti.

Trattandosi della stazione inglese più trafficata al di fuori dell’area di Londra, non è stato possibile chiudere la New Street Station per il completamento dei lavori, e questo ha contribuito alla complessità dell’intervento, la cui imponenza è testimoniata anche dai numeri del cantiere, definito uno dei più complessi a livello europeo nel campo delle costruzioni ferroviarie: demolizione e rimozione di 6mila tonnellate di cemento dall’edificio preesistente, un nuovo atrio da 35 m di altezza e la realizzazione di due grandi aperture al livello della copertura e dello shopping centre per illuminarlo con luce naturale, oltre trenta scale mobili e quindici ascensori pubblici.




Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151