Sistemi a secco | Edilizia industrializzata in acciaio

Un salto qualitativo nella gestione dei cantieri

L’edilizia industrializzata in acciaio, che abbraccia tutto il processo rappresenta un salto qualitativo rispetto a una diffusa gestione dei cantieri obsoleta. I sistemi costruttivi a secco nascono dall’accostamento di vari materiali e di vari strati corrispondenti alla sommatoria delle prestazioni.

Dall’inizio della crisi nel 2008, il panorama economico è stato caratterizzato da una brusca caduta della domanda e da un peggioramento delle condizioni di erogazione del credito e l’edilizia è probabilmente il settore che ha maggiore necessità di rifondarsi come sistema produttivo.
L’innovazione, anche in questo settore, può essere il motore della crescita di lungo periodo, con effetti sulla dinamica della produttività, dei salari e dell’occupazione. In altri comparti come per esempio nell’elettronica, nell’automotive, nello sport, gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da una frenetica ricerca della leggerezza e della prestazione.
Nuovi materiali e nuove tecnologie hanno contribuito a questo cambiamento e anche in architettura, il concetto di sostenibilità porta con sé l’esigenza di «pesare» tutto quanto necessario per la realizzazione e il mantenimento di un edificio.

Casa «O» a Cagliari.

Casa «O» a Cagliari.

L’edilizia industrializzata in acciaio, che abbraccia tutto il processo, dalla progettazione alla gestione degli acquisti, alla programmazione, al ritorno finanziario dell’investimento, alla logistica, rappresenta certamente un salto qualitativo rispetto a una diffusa gestione dei cantieri obsoleta.
In quest’ottica sono determinanti i sistemi costruttivi a secco che nascono dall’accostamento di vari materiali e di vari strati corrispondenti alla sommatoria delle prestazioni. L’assemblaggio delle componenti richiama le immagini di un meccano in cui tutti gli elementi necessari alla costruzione vengono accuratamente progettati tenendo conto dei processi di produzione e delle successive operazioni di montaggio.
La tecnologia Struttura/Rivestimento. Nella tecnologia denominata Struttura/Rivestimento ogni elemento costruttivo è visto come un supporto rivestito con metodologie di fissaggio a secco.
Una gamma estremamente differenziata di strati assolve a una funzione specifica e l’applicazione di queste teorie genera un sistema stratificato con intercapedini, elastico, flessibile ed evolutivo, che si contrappone al sistema a inerzia-monolitico ottenibile con le tecnologie tradizionali. In s/r, l’edificio è un’entità leggera, senz’acqua, in cui le unità che lo costituiscono (prodotti di manifattura industriale) vengono assemblate, e non create in cantiere.
Le tecniche s/r propongono quindi innovazioni di assemblaggio, di stratificazione dei prodotti e non insistono necessariamente sull’innovazione del prodotto in se. Costruire a secco significa attingere in maniera consapevole e critica dall’enorme patrimonio della produzione industriale legata all’edilizia per realizzare manufatti altamente tecnologici e sostenibili.
Questi edifici concepiti come macchine sono caratterizzati da strutture a telaio in acciaio a cui vengono fissati elementi planari, leggeri, di piccolo spessore e di grandi dimensioni: lamiere, pannelli sandwich, lastre di vario genere e materassini isolanti. L’alto livello di prefabbricabilità e la facilità di assemblaggio della carpenteria metallica consentono di realizzare in tempi veramente ristretti soluzioni finite.
L’assemblaggio in officina, dove si garantiscono controlli, collaudi e standard qualitativi di assoluta affidabilità, riduce i rischi dovuti a fattori e condizioni ambientali tipici della costruzione in opera.
La rapidità costruttiva si traduce in riduzione degli oneri finanziari, rapido ritorno degli investimenti e anticipo della rendita del fabbricato. L’acciaio presenta ulteriori vantaggi legati alla flessibilità e alla leggerezza: le forze sismiche sono associate all’inerzia e dipendenti dalla massa dell’edificio. Riducendo la massa si riducono automaticamente le forze di progetto. Le forze nelle membrature che giungono poi in fondazione sono minori e questa riduzione si traduce in un abbattimento del costo dell’opera.
La leggerezza delle soluzioni S/R garantisce un abbattimento dei costi concernenti le opere di fondazione, dei volumi di scavo e di getto, in riduzione delle emissioni dovute al trasporto delle strutture portanti e dei materiali in genere. La realizzazione immediata della copertura permette di poter operare in un cantiere riparato con un montaggio in flusso continuo.

Casa «O» a Cagliari, in costruzione.

Casa «O» a Cagliari, in costruzione.

La disposizione dei materiali fissati con connessioni meccaniche a secco permettono di realizzare velocemente grandi superfici dando vita a sistemi reversibili nei quali i vari strati funzionali vengono utilizzati così come arrivano in industria. Tutte le  peculiarità sopra elencate, oltre a garantire un considerevole abbattimento dei tempi di costruzione, consentono l’ottenimento di elevati standard qualitativi, prestazionali e di sostenibilità ambientale: questo è il futuro dell’edilizia.
Realizzazioni. Edificio scolastico Itc «Einaudi» a Chiari (Bs). Il progetto per la nuova ala dell’Istituto «Einaudi» di Chiari si contraddistingue per una decisa inclinazione ai principi dell’architettura sostenibile ad alta efficienza energetica.
L’uso esteso delle tecnologie stratificate a secco s/r, (Struttura e Rivestimento) è stato un carattere dominante dell’intervento poiché ha permesso diversi benefici: riduzione dell’energia impegnata per la costruzione dell’edificio, rapidità di messa in opera, ottimizzazione dei materiali, facilità di esecuzione di manutenzioni e aggiornamenti tecnologici, nonché possibilità di uno smontaggio selettivo dell’edificio e di riciclo dei componenti. In particolare, è stato scelto l’utilizzo del sistema s/r sia nella struttura, dove è stata preferita la carpenteria metallica per le capacità statiche e di leggerezza e per il semplice e contenuto inserimento degli impianti, isolamenti termici e acustici, sia nell’involucro (esterno e interno) che nell’integrazione con l’impiantistica dell’edificio.
Particolare attenzione è stata posta nella definizione degli involucri verticali e orizzontali (copertura e solaio a terra) che hanno previsto la presenza di spessori  d’isolamento con fini sia acustici sia termici. Da un punto di vista architettonico, la scelta del sistema costruttivo ha permesso al nuovo edificio di connotarsi di  un’immagine più contemporanea, accentuata dalla scelta dei colori in facciata e dal carattere tecnologico dato dall’uso dell’acciaio come materiale principale.
Le tecnologie stratificate s/r Struttura e Rivestimento, inoltre, costituiscono un ambiente ideale per realizzare gli iperisolamenti che sono alla base delle esperienze più significative di risparmio energetico in Europa. L’acciaio, inoltre, ha consentito tempi di realizzazione ridotti rispetto ad altri sistemi costruttivi tradizionali.
Edificio residenziale a Torre Boldone (Bg). La progettazione del complesso residenziale è il risultato di un’attenta analisi delle caratteristiche del sito e l’impiego di tecniche innovative ha consentito la realizzazione di un edificio ad altissime prestazioni energetiche.
La tecnologia costruttiva utilizzata, principalmente a secco, ha previsto una struttura portante costituita da telai in acciaio inglobati all’interno degli involucri e impalcati con lamiera grecata e getto collaborante in calcestruzzo armato. I solai oltre a fungere quindi da diaframmi orizzontali collegati ai nuclei di controvento, garantiscono anche un’opportuna inerzia termica all’edificio.
L’involucro verticale all’esterno è principalmente realizzato con pannelli di piccolo spessore, a supporto del rivestimento a cappotto isolante con finitura a intonaco  sottile tinteggiato. All’interno è stata fissata a una struttura metallica desolidarizzata una controparete in gesso rivestito con barriera al vapore e arricchita con strati di isolamento in lane minerali ad alta densità.
Gli involucri sia verticali sia orizzontali sono costituiti da spessori d’isolamento acustico e termico e assicurano opportuni sfasamenti dell’onda termica nelle stagioni calde. L’edificio è certificato in classe A di Casa Clima. Il fabbisogno energetico è stato ridotto quindi attraverso l’iperisolamento delle chiusure, la totale eliminazione dei ponti termici, l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e un sistema impiantistico efficiente.
Casa «O» a Cagliari. La struttura, costituita da due gabbie in acciaio appoggiate ad alcuni blocchi di calcestruzzo e connesse da un ponte, è realizzata con profili standard tipo Ipe. I collegamenti verticali presentano dimensioni sottili di 60 x 60 x 2 mm.
Tutto è stato studiato per garantire la massima leggerezza e il minimo impegno nei trasporti e nei montaggi. Il disegno minimale e raffinato della pianta gioca con gli spazi, sia all’esterno con il paesaggio, sia con i volumi  interni. L’acciaio si è dimostrato lo strumento ideale per realizzare un’abitazione in perfetta armonia con l’ambiente circostante. Una testimonianza d’avanguardia per tutto il sud-ovest della Sardegna.
Casa Saggia a Stia (Ar). Il sistema costruttivo si fonda sull’approccio saggio alla costruzione edile. Rispetto per l’ambiente, sicurezza, convenienza economica e comfort sono garantiti dall’utilizzo delle moderne tecniche dell’Industrializzazione edilizia.
Costituita da una struttura portante composta da travi e pilastri di acciaio lascia ai progettisti e ai committenti la libertà di scelta su solai e coperture. Per i tamponamenti e le partizioni si fa ricorso ai sistemi «a secco», componendo pacchetti stratificati ad alta efficienza energetica, soddisfacendo sia esigenze tecniche sia estetiche. L’esterno può presentare una finitura tipo intonaco quanto piuttosto avere rivestimenti di varia natura secondo il gusto dell’utilizzatore finale e in base alla creatività del progettista.
Tutti gli altri componenti (infissi, impianti, finiture) sono di tipo industrializzato e in grado di garantire e certificare le più alte prestazioni termiche e acustiche. È progettata a livello costruttivo fin dalla fase pre-cantiere, permettendo la riduzione di tempi di realizzazione e dei fattori d’imprevedibilità.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151