Eventi | Pilosio Building Peace Award

Una biblioteca per il Ghana

Si tratta di un’iniziativa che si pone come una sintesi fra un evento dai contenuti socio-culturali di alto profilo e un momento di networking fra i top manager del mondo delle costruzioni e dell’oil&gas.

L’edizione 2014 del premio ideato e organizzato da Pilosio >>, azienda specializzata in attrezzature per le costruzioni con sede in provincia di Udine, ha avuto luogo nella cornice della Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, a Venezia.

conferenza stampa pilosio

L’evento ha visto la partecipazione di ospiti in rappresentanza di oltre 20 Paesi del mondo. Si tratta di un’iniziativa che si pone come una sintesi fra un evento dai contenuti socio-culturali di alto profilo e un momento di networking fra i top manager del mondo delle costruzioni e dell’oil&gas. A ritirare il premio «Peace builder 2014» è stata Samia Yaba Nkrumah, segretario e leader del Convention Peoples’ Party e fondatrice del Knac (Kwame Nkrumah Pan African Center) nonché figlia del padre fondatore del Ghana libero e democratico, leader per l’intero continente africano Kwame Nkrumah. A lei il merito di far rivivere, attraverso il suo impegno in politica, l’ideale di una Unione Panafricana all’insegna della modernità e dello sviluppo anche grazie a progetti quali la Kwame Nkrumah Presidential Library.

evento pilosio

In tema di Africa e pace alla cerimonia ha partecipato Kofi Annan, ex-segretario generale Onu e vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 2001. A intervenire sono stati anche il viceministro agli Affari esteri, Lapo Pistelli, la giovane attivista pakistana Khalida Brohi, la presidente di Save the Children International Carolyn Miles; la regista e scrittrice iraniana Siba Shakib, Betty Williams, premio Nobel per la Pace del 1976. Hanno inoltre partecipato Luisa Todini, presidente di Poste Italiane, e la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia nonché vice-segretario nazionale del Pd Debora Serracchiani. Durante l’evento è stato inoltre presentato il progetto a favore dei rifugiati siriani che la neonata organizzazione no-profit di Pilosio, la «Pilosio Building Peace», sta portando avanti in collaborazione con la Jolie-Pitt Foundation. A rappresentarla è stato il direttore, nonché vincitore del Pilosio Award 2013, Cameron Sinclair.

premiazione pilosio

Il progetto della biblioteca. La Kwame Nkrumah Presidential Library sarà un’opera dal forte valore simbolico, un luogo d’incontro e di scambio di esperienze in formazione, innovazione, economia, politica e cultura per tutto il continente africano. Il progetto della biblioteca, sviluppato dall’architetto Mario Cucinella in collaborazione con la stessa Samia Nkrumah, è un progetto culturale che promuove un modello di sviluppo sostenibile capace di confrontarsi con il tema ambientale e in grado di coinvolgere la popolazione locale attraverso l’accessibilità al servizio educativo, l’offerta culturale e il confronto con le nuove tecnologie. La biblioteca, che avrà una superficie totale di 4600 mq su sei livelli, è pensata come una grande piazza del sapere.

Presidential Library Ghana

L’edificio è infatti organizzato secondo un programma funzionale misto che affronta il tema educativo nella sua totalità: ci sono ambienti per la lettura e la consultazione, per ospitare eventi e conferenze, laboratori per la musica, l’arte figurativa e l’artigianato. La biblioteca, localizzata ad Akosombo, presso il lago Volta, il più grande lago artificiale al mondo, entrerà a far parte del network del sistema educativo ghanese ponendosi come uno strumento di primo piano per la formazione delle nuove generazioni. In Ghana, l’83% della popolazione non ha internet e nelle scuole non tutti gli studenti riescono ad avere accesso ai libri. Per questo motivo il coinvolgimento dei giovani deve diventare elemento fondante di qualsiasi progetto culturale, come garanzia d’inclusione sociale. Sarà possibile accogliere giovani laureati per periodi di tirocinio e per attività educative rivolte ai bambini. Inoltre la biblioteca offrirà l’occasione di formare nuove professionalità nel campo della cultura e dell’educazione.

Pilosio Award Presidential Library Ghana

Ingrandisci l’immagine >>

«Shelters for Refugees Project». Pilosio Building Peace, Npo (no-profit organization) durante l’evento ha presentato il progetto «Shelters for Refugees Project». L’organizzazione vuole realizzare un concreto progetto d’impatto sociale per aiutare i rifugiati a migliorare le proprie condizioni di vita. Il progetto è stato creato in collaborazione con l’architetto Cameron Sinclair. L’obiettivo del progetto è quello di creare in questa prima fase strutture sicure, funzionali e confortevoli nei campi profughi siriani, al fine di facilitare l’inserimento della formazione scolastica in aree come Giordania, Libano, Turchia, Iraq e Siria.

Shelters for Refugees prototype

Dal punto di vista tecnico, per il progetto sono stati uniti elementi naturali come la sabbia e/o la terra, combinate con elementi quali strutture provvisionali per la costruzione come i ponteggi. Per il montaggio delle strutture è fondamentale l’aiuto e il contributo dei rifugiati, donne comprese, facendo in modo che si sentano partecipi del proprio destino e futuro. L’installazione di queste strutture è molto semplice, veloce e intuitiva. L’uso della sabbia, isolante naturale per eccellenza, è una caratteristica tipica della cultura siriana e renderà le costruzioni ancora più economiche. L’idea alla base del progetto, infatti, è quella di utilizzare la terra come materiale da costruzione. I pannelli del tetto, oltre ai «muri», sono anch’essi riempiti da terra e possono essere coltivati per produrre generi alimentari. Questo semplice metodo si adatta al clima locale, favorendo il ciclo naturale della vita e prevenendo l’inquinamento. Coordinatore tecnico del progetto è l’architetto iraniano Pouya Khazaeli, professionista con una grande esperienza di progettazione e costruzione di strutture con un utilizzo spinto di risorse naturali come sabbia, terra e legno.

I protagonisti 

Dario Roustayan low

Dario Roustayan. Nato a Spilimbergo in provincia di Pordenone nel 1965, Dario Roustayan dalla primavera del 2010 è il nuovo amministratore delegato (Ceo) di Pilosio. Forte di una formazione scientifico-informatica creata in varie scuole estere e approfondita alla Mba della University of Kansas (Usa), è un manager apprezzato e conosciuto a livello internazionale con particolare riferimento al settore metalmeccanico e a quello delle costruzioni. Grazie a un background internazionale maturato all’interno dei quadri direttivi di società leader di settore, affronta questa esperienza concentrando i propri sforzi soprattutto sull’apertura di Pilosio ai mercati esteri. Dal 2014 è anche presidente della organizzazione no-profit Pilosio Building Peace.

Samia Yaba Nkrumah

Samia Yaba Nkrumah Christina (nata il 23 giugno 1960) è un politico del Ghana e la presidente del Partito del Popolo della Convenzione. È considerata una delle donne leader più popolari africane. Candidata alle prossime elezioni presidenziali e presentata da alcuni giornali internazionali con titoli quali «The new Mandela is a woman», Samia Nkrumah riceve il premio per il suo progetto «Nkwame Nkrumah Presidential Library» in collaborazione con l’architetto Mario Cucinella, emblema del suo impegno nel promuovere uno sviluppo sociale ed economico attraverso la cultura e la formazione delle giovani generazioni.

Mario Cucinella

Mario Cucinella, nato in Italia nel 1960, fonda Mario Cucinella Architects (Mca) a Parigi nel 1992 e a Bologna nel 1999. Dal 1998 al 2006 è professore a contratto della Facoltà di Architettura di Ferrara e dal 2004 è Honorary Professor presso la Università di Nottingham, Inghilterra. Nel 2013 è Guest Professor in Emerging Technologies presso la Technische Universitat di Monaco di Baviera e nel 2014 è Professore a Contratto presso la Facoltà di Architettura Federico II di Napoli. Tiene regolarmente conferenze in Italia e all’estero.

Cameron Sinclair

Cameron Sinclair (nato nel 1973, Londra, Inghilterra) è il co-fondatore di Architecture for Humanity, un’organizzazione umanitaria nata per sviluppare soluzioni architettoniche e di design per crisi umanitarie e per offrire, senza scopo di lucro, servizi di progettazione a comunità bisognose. Nel 2004 è stato inserito dalla rivista Fortune tra gli Aspen Seven, le sette persone in grado di cambiare in meglio il mondo. Viene nominato nel 2005 Risd/Target Emerging Designer of the Year e, nel 2006, ha ricevuto il Ted Prize. Nel 2008 è stato selezionato dal World Economic Forum come Young Global Leader.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2017 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151