Edilizia ospedaliera | Reggio Emilia

Involucro trasparente per il nuovo Centro Oncoematologico di Reggio Emilia

Vincitore del Premio Cneto 2015, l’edificio che ospita il nuovo Core si distingue per la linearità e la compattezza dei volumi, Lungo i prospetti, alle massive strutture angolari rivestite in laterizio faccia a vista si alternano leggere e performanti superfici trasparenti.

Il Centro Oncoematologico di Reggio Emilia (Core) ottimizza i complessi aspetti tecnici, tecnologici e organizzativi all’interno di un’architettura semplice, equilibrata e piacevole.

© Simone Pioli

© Simone Pioli.

La costruzione s’inserisce nel più ampio programma di potenziamento strutturale e tecnologico dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, erede di una tradizione medica secolare e oggi indirizzato verso la creazione di un «ospedale del futuro» d’eccellenza. Alle complesse funzioni assistenziali e cliniche d’alta specialità, organizzate per assicurare la migliore presa in carico globale dei pazienti, si affianca il supporto della ricerca scientifica – attività tutte ospitate in ambienti di alto livello qualitativo e rispondenti ai più avanzati criteri operativi e requisiti tecnici.
Vincitore del prestigioso Premio Cneto 2015, l’edificio che ospita il nuovo Core si distingue per la linearità e la compattezza dei volumi, scelta progettuale che ha condotto a una felice sintesi fra rigore formale e flessibilità funzionale. Lungo i prospetti, alle massive strutture angolari rivestite in laterizio faccia a vista – memori della tradizione costruttiva locale – si alternano leggere e performanti superfici trasparenti, realizzate con sistemi Schüco per facciate continue.

© Simone Pioli

© Simone Pioli.

La razionale scansione ortogonale dell’involucro è articolata in partizioni vetrate di grande dimensione, concepite per offrire il massimo apporto luminoso agli ambienti interni, impostate sopra specchiature opache in vetro smaltato che celano gli strati termoisolanti dei parapetti, utili a migliorare il comfort di utenti e personale. Le forme articolate dell’involucro trasparente del basamento e il regolare disegno delle facciate ai piani superiori sono realizzati con lo stesso sistema di rivestimento a montanti e traversi ad alte prestazioni, selezionato nell’ampio repertorio di soluzioni Schüco.

© Simone Pioli

© Simone Pioli

Progettato da Binini Partners, l’edificio è stato sviluppato a livello esecutivo da Cairepro per conto dell’impresa Sicrea Group/Siteco, che ha fatto proprie le indicazioni tecnico prestazionali confermate nelle diverse fasi progettuali ricorrendo ai prodotti Schüco.

Per fronteggiare adeguatamente i differenti contesti applicativi del progetto (hall d’ingresso, camere di degenza, ambulatori, uffici, torri di servizio ecc.) è stato scelto il sistema a montanti e traversi Schüco FW60+.HI, sviluppato sia per facciate verticali che per coperture trasparenti e caratterizzato dal connubio fra leggerezza ed elevate prestazioni. Estremamente elegante in virtù della minima sezione visibile dei profili in alluminio (60 mm), il sistema si presta alla realizzazione di superfici di ampie dimensioni (con reticoli di ampiezza fino a 6 m) caratterizzate dalla possibilità di alternare vetrate fisse e serramenti apribili.

La flessibilità del sistema Schüco FW60+.HI ha permesso di rispondere agli elevati requisiti prestazionali e di comfort interno previsti dal progetto originario, fra cui: abbattimento acustico normalizzato: 45 dB; isolamento termico globale di facciata: 1,20 W/m2K (Ucw); luminosità interna massimizzata.

Dotate di apertura ad anta/ribalta, le finestre si sviluppano da un’altezza di 80 cm dal pavimento fino al controsoffitto, amplificando notevolmente la luminosità dei locali. I serramenti permettono sia aperture manuali delle ante con limitatore, per le esigenze dei degenti, sia aperture totali per la manutenzione e la pulizia da parte di operatori. Date le rilevanti dimensioni (1,95×2,25 m), la movimentazione delle finestre è stata affidata a un meccanismo ad azionamento manuale «a manovella», proposto da Schüco per i carichi elevati.

© Simone Pioli

© Simone Pioli.

Le tende esterne a lamelle con ancoraggi puntuali direttamente ai montanti di facciata proteggono gli spazi interni dal surriscaldamento estivo, evitando la formazione di ponti termici e offrendo ai fruitori un maggiore comfort ambientale. Sotto il profilo della sicurezza antincendio, le facciate si distinguono per la speciale struttura con resistenza al fuoco EI60 a livello del parapetto (secondo Circolare 5043 Vvf), mentre l’intero edificio dispone del sistema di evacuazione di fumo e calore Schüco Efc.

Il cantiere
Oggetto: Centro Oncoematologico Reggio Emilia
Committente: Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria Nuova – Irccs Grade Onlus per Asmn
Progetto: Binini Partners; Ing. Tiziano Binini; Arch. Lucia Mosconi; Ing. Alberto Baroni
General Contractor: Sicrea Group / Siteco
Progetto Esecutivo: Cairepro; Ing. Paolo Genta
Direzione lavori: Ufficio Tecnico Asmn; Ing. Claudia Reggiani; Ing. Enzo Mazzi
Sistemi trasparenti d’involucro: Schüco Italia

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Il Nuovo Cantiere © 2021 Tutti i diritti riservati

Tecniche Nuove Spa | Via Eritrea, 21 – 20157 Milano | Codice fiscale e partita IVA 00753480151